Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Cose che mi piacevano prima che me le rovinaste

Cose che mi piacevano prima che me le rovinaste

O anche, come titolo alternativo, Cose che mi sono piaciute prima che a tutti voi poi sono diventate mainstream e m'hanno spezzato il cuore.
Per essere un po' più chiara.

Macarons
A me i macarons piacevano - e piacciono - veramente tanto.
Un periodo nessuno li conosceva.
Ma non sto parlando di millenni, eh.
Giusto un cinque sei anni fa, almeno in Italia, non andavano di moda.
Io mi riportavo le scatoline da Parigi, quando andavo con mio padre alla fiera, e li tenevo con la stessa cura con cui Charlie custodiva la tavoletta di cioccolata che gli regalavano ad ogni compleanno.
Solo che i macarons sono più deperibili della cioccolata, purtroppo.
La colpa, sicuramente, o è di Sofia Coppola, o della Cherry Blossom Girl.
(Se conoscete altri colpevoli, fatemelo sapere.)
Adesso che vanno di moda li mangio con un po' meno voglia ed un po' più schifo, per fortuna non ho più così spesso l'occasione di metterci le manine sopra.

Colazione da Tiffany
Ecco, parliamo pure di questa cosa. Dov'era Holly Golightly, un dieci anni fa? Son sicura, davvero, sicurissima che l'hanno riportata in auge - però questa volta non so davvero a chi dare la colpa - qualche tempo fa.
Con seguente profanazione della memoria di quella povera disgraziata di Audrey Hepburn, così indissolubilmente legata alla figura del suo personaggio più famoso da diventare, nella testa delle giovani modaiole che popolano la fescion blogosfera e non solo, una specie di fata madrina.
Tutte a dire quant'era elegante Audrey Hepburn - sì, perché spesso neanche l'hanno visto, il film, e non hanno la più pallida idea del nome della tipa che vive sola col gatto sotto nell'appartamento sotto a quello dello scrittore - con il suo tubino nero, gli occhiali da sole anche di notte, quattordici fili di perle ricadenti tanto sul torace quanto sulle spalle, mentre inzuppa un croissant dentro il caramel macchiato di fronte alla vetrina di Tiffany.
Elegantissima. 'Na finezza.
Prima che me la rovinaste, mi stava così simpatica quella sgualdrinella di Holly Golightly, in tutte le sue versioni, la prima che conobbi, quella di Truman Capote, e anche la quella di Audrey Hepburn.
Ora mi sento come quando scopri che la tipa fighissima che hai conosciuto da poco è anche amica della tua conoscente poco sveglia, ciellina e un po' malva. E ti trovi a pensare: "Se frequenta questa qua, figa figa non dev'essere."

Harry Potter & Il Signore degli Anelli

Li metto assieme, visto che tanto le situazioni sono simili.
Il Signore degli Anelli, fino all'uscita dei film, era il mio libro preferito.
L'avevo letto in quattordici giorni, con appendici e genealogie e tutto, in seconda media.
Mi sentivo come il primo tizio arrivato sulla cima dell'Everest.
Usciti i film e resa la Storia fruibile a tutti, e non solo a quelli che si sopportavano quelle cazzo di millecinquecento pagine, mi sono sentita morire dentro.
Proprio come se mettessero la funivia sull'Everest.
E ci aprissero un paio di piste rosse, magari.
Per Harry la situazione è stata ancora peggiore.
Sono stata una delle prime In Italia a leggermelo - nella mia edizione Salani, addirittura, CorvoNero è ancora tradotto come PecoraNera , pensate quant'è vecchia, tipo del '99 - e quando arrivò l'ondata di fanatismo rimasi così disgustata da non riuscire a finire la saga.
Mi sono fermata al quarto libro.
E gente a cui io avevo fatto conoscere HP e a cui avevo prestato la mia preziosa prima edizione mi accusò per parecchio tempo di tradimento.

Non c'entra nulla, ma solo io vedo enormi similitudini tra Harry Potter e Star Wars?
Perché io ne vedo. Tantissime.

25 commenti:

  1. Ahahha, meraviglioso post!Mi ha fatto riflettere su quante cose ho abbandonato un po' per via della loro "commercializzazione"...Forse non mi piacevano poi così tanto, o più semplicemente non ne posso più di vederle in giro?

    Bisous!

    RispondiElimina
  2. hai ragionissima. tre su tre.
    il mio primo incontro con i macarons risale alla fiera dell'artigianato di Milano, tanti anni fa.
    poi ho un ricordo molto nitido dei miei compagni delle medie che mi sfottevano per via della copertina di "Harry Potter e la Camera dei Segreti"

    RispondiElimina
  3. L'unica speranza per noi, mie care, è aspettare che passino di moda. Io conto di ricominciare a leggere Harry Potter e magari finire la saga, tra una decina d'anni.

    RispondiElimina
  4. @renorimmel Ripensandoci, io addirittura c'avevo una compagna di classe delle medie che me lo chiamava Harry Puzzer. Prima del mainstream, ovvio. Poi iniziò ad amarlo pure lei.

    RispondiElimina
  5. Per i macarons credo che sia colpa di gossip girl, tra l'altro ora che sono di moda è più difficile trovare quelli veramente buoni!
    Per colazione da tiffany, vorrei davvero sapere quante hanno letto il libro, che poi il personaggio è molto più crudo nel libro.
    Per il signore degli anelli idem, non sopporto quelli che ti dicono:no ma io guardo il film, il libro è troppo lungo!!!

    RispondiElimina
  6. @Anna Venere Brava, e mi sa che GG è anche carnefice, in parte, della povera Holly.
    Nel libro lei è, senza mezzi termini, una prostituta bisessuale arrampicatrice sociale che cerca a tratti sostegno nell'amico scrittore omosessuale. Non esattamente un personaggio per fanciulline.

    RispondiElimina
  7. Per evitare queste cocenti delusioni, potresti provare a mangiare un po' di merda. Non diventerà mai di moda, te l'assicuro.

    RispondiElimina
  8. @Bandini Non esserne così sicuro, guarda qui http://tinyurl.com/69s9u4o da 4:45...

    RispondiElimina
  9. Giuro che io, Colazione da Tiffany, lo guardavo già 20 anni fa e ho letto anche il libro!
    Per il resto hai ragione, alcune cose diventano talmente inflazionate da non sembrare più tanto speciali...

    RispondiElimina
  10. @Ladybug Mi fido, mi fido! ;)
    Ripeto, spero che tutto ripassi di moda, prima o poi...

    RispondiElimina
  11. Allora un'altra colpevole per i macarons è la Ferragni, ma questo è solo uno dei suoi tanti crimini.

    Per la cara Holly io l'ho conosciuta in 5 elementare. E ne rimasi affascinato. Quindi figurati....quando siamo avanti noi, pur essendo indietro!!

    Potter ecc. uguale. Ho letto il maghetto quando non se lo filava più nessuno. Benchè mi piaccia la moda...io NON sono alla moda.

    A buon intenditor!

    Complimenti per il post.

    RispondiElimina
  12. @Ranuccio Chiaretta è la responsabile di tutti i mali del mondo - o quasi ;D
    Ero sicura che in te avrei trovato un tipo démodé come me.
    Grazie caro.
    <3

    RispondiElimina
  13. guarda hai gettato sale su delle ferite aperte. Harry Potter l'ho abbandonato anch'io al quarto libro. Spero che Roal Dahl resti oscuro, anzi adesso andrò a comprare tutte le copie del "GGG" nelle librerie della città.

    RispondiElimina
  14. Ma che bello il tuo blog!Ti ho scoperta per caso grazie a un tuo tweet che ho retweetato :) Ti seguo!

    RispondiElimina
  15. @Cristina Tranquilla, Dahl s'è salvato nonostante il film, direi che per i prossimi vent'anni siamo al sicuro. In Italia non è molto conosciuto.

    @E.G.Ma grazie mille, cara!

    RispondiElimina
  16. Onorata del tuo follow! Ho letto altri tuoi post qui e là.. Davvero spettacolare! Mi piace un sacco come scrivi e come pensi ;) Appena avrò un pò di quiete post esami mi dedicherò a una lettura completa.. PS Parigi è il top! Hai tutta la mia invidia,io vado spesso ma non sono mai stata più di 10gg. 5 mesi lassù saranno davvero bellissimi! Vedrai!

    RispondiElimina
  17. Eccezion fatta per Star Wars, che da piccola adoravo e riguardavo centomila volte al giorno (allora c'era solo la trilogia) tutte le altre cose che hai citato non mi sono mai piaciute. Meglio: Colazione da Tiffany è un gran bel film, ma uno dei pochi in cui non mi riconosco e mai mi sono riconosciuta nella protagonista. Ma soprattutto, ciò che odio più di ogni cosa sono i macarons, considera che io mangio qualunque cosa, ma quelli proprio non mi vanno.. Io ho casa in Francia e lì in effetti li adorano da quando ho memoria, costano carissimi e io sinceramente questa passione non l'ho mai capita. Men che meno la capisco come "d'importazione" in Italia.. Mah, che vuoi che ti dica, i gusti sono gusti.
    Adesso ti seguo anch'io!
    A presto =)

    RispondiElimina
  18. OMG..anche io adoravo i macarons, da guardare, perchè da mangiare non mi sono mai piaciuti. Ora ho la nausea anche delle immagini...l'inflazione è una brutta bestia..
    Laura@RicevereconStile

    RispondiElimina
  19. Bellissimo post! Cose che io adoravo e ancora adoro, nonostante ora sono mainstreamissime:

    * Audrey Hepburn. Quanto ti capisco!! Ho realizzato il passaggio della mia DEA a icona delle teenagers quando ho visto un blog dove una 14enne nominava la sua attrice preferita: Haudrey Hepburn. Con la H.

    * Essere fashion editor. Sognavo di diventarlo prima che tutte le fescion blogghers sapessero chi fosse Anna Wintour. E infatti ora lo sono.

    * Starbucks. Abitavo a Los Angeles e sorseggiavo i frappuccino tutti i giorni nel lontano 2002 (e infatti pesavo sette chili in più!)

    * H&M. Vengo da Stoccolma, penso che ho detto tutto.

    RispondiElimina
  20. Grazie ancora per tutti i complimenti e commenti, cari, questo post ha riscosso un successone che davvero non immaginavo!

    @TestadiC. Se ti capita leggi il libro, vedremo se la Holly Golightly di Truman Capote ti piace di più.

    @Laura Ecco, esatto: NAUSEA.

    @Sascha: sul giornalismo di moda e sul giornalismo più in generale devo fare un post ENORME. Grazie per avermi ricordato l'argomento, cara.

    RispondiElimina
  21. Seguirò il tuo consiglio con piacere =D

    RispondiElimina
  22. Riflettevo.. E il sushi? Ora lo mangiano tutti,piace a tutti ecc..Ci sono addirittura persone che mangiano il sushi con il pollo o vegetariano!Ma allora non è SUSHI teste di noci di cocco!Che tristess..Eppure per ora pur essendo tanta l'indignazione non riesco ad andare contro al flusso.. D'altronde io sono arrivata prima quindi mi consolo con questa consapevolezza e convinzione..

    RispondiElimina
  23. Come non darti ragione!
    GG è un po' la causa di tutto: dai macarons a Audrey Hepburn, fino ai "vecchi" film romantici!
    Odio quando qualcun' altro, di punto in bianco, si auto-definisce appassionato delle cose che io ho sempre adorato!

    RispondiElimina
  24. Colazione da Tiffany devo averlo visto la prima volta intorno ai sei, sette anni (ora ne ho 28) su rete 4....poi dopo altri sei o sette anni mi è ritornata alla mente la sensazione provata, non mi ricordavo neanche il nome di quel film..mi ricordavo un colore azzurro, come la mascherina da lei indossata a letto, qualcosa di arancione, come Gatto, un lenzuolo usato come abito.
    poi puff..qualcosa l'ha rovinato..l'esasperazione ecco, il continuare a parlarne...le serate in discoteca intitolate "Colazione da Tiffany", chissà poi perchè visto che erano serate per fattoni..
    poi all'università i negozi di chincaglierie in plastica con il medesimo nome.
    Voglio vedere quando le fashion blogger scopriranno "Come sposare un milionario e vivere felici", "Sciarada", "A piedi nudi nel parco" e "Quando la moglie è in vacanza" ... allora sì che quella stronza di Holly ritornerà!

    RispondiElimina
  25. Oh, come ti capisco!
    Però quanto a Harry Potter: abbandona ogni risentimento verso i poveri plebei profanatori che se ne sono appropriati e concludi la lettura della saga. Ne vale davvero la pena.

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...