Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Avete mai sentito parlare di Ben Wa?

Avete mai sentito parlare di Ben Wa?

Partendo da concetti semplici.
Io non sono bella. Affatto.
Se mai lo sono stata, questa mia bellezza non è sopravvissuta alla terza elementare, quando mi sono dovuta mettere gli occhiali. O, se ne era rimasto qualche briciolo sparso in giro, è stato definitivamente spazzato via un paio d'anni più in là, quando la prepubertà ha trasformato quello che era un nasino tutto sommato normale in una curva ambigua che proclama origini ebree che non ho.
(Un giorno farò un post sul mio naso.)
Per i primi tempi pensai, inconsciamente, che se non ero bella potevo, per compensare, essere intelligente.
Ma l'intelligenza non funzionò un granché, soprattutto nel campo delle relazioni sentimentali - anzi avrei scoperto più tardi che non c'è maggior deterrente dell'intelligenza, per un uomo. Che potevo saperne, io, a dieci anni?

Parecchio più in là iniziai a capire qual è effettivamente l'altra dote, quella che una donna dovrebbe avere se non ha la bellezza.
Mi convinsi - e ne sono convinta ancora - che una donna non bella non deve puntare ad una conversazione brillante, a far vedere che in caso di matrimonio i genitori sarebbero disposti ad offrire una buona dote, a cucinare torte di mele o cose del genere.
A mio parere, per cavarsela comunque, una donna deve essere brava.
Ditemi quello che volete, che ho idee sessiste, contorte, che faccio del mio corpo oggetto, che un uomo dovrebbe amarti per come sei e blah blah blah.
Sono perfettamente d'accordo con voi.
Tutto il discorso qua sopra, probabilmente, è dovuto al pessimo rapporto che ho con il mio aspetto fisico.
Resta il fatto che, se dovessi presentarmi ad un uomo in maniera molto spicciola, direi qualcosa del genere.

"Come puoi vedere non sono bella, ho inoltre la sfortuna di avere un'intelligenza di poco superiore alla media, il che mi permette di metterti in soggezione in maniera sgradevole senza poterti però manipolare e far fare quello che voglio. Inoltre sono benestante e spendacciona, quindi abituata ad un tenore di vita che probabilmente non condividerai o non sarai disposto a mantenere.
Ma sono brava."

Funziona?
Credo di sì.
O meglio, no.
Nel senso, funziona, però... Gli uomini con cui funziona, dal momento in cui funziona, perdono, ai miei occhi, tutto l'interesse.
(Chissà perché, eh?)

Una percentuale del mio essere "brava" lo devo a Madre Natura, o Iddio, o chi per loro.
Talento naturale.
Io non avrei mai creduto di poter essere una "brava", ma a quanto pare lo sono. E la parabola dei talenti è una delle mie preferite, chi sono io per seppellire questa monetina di "bravezza" che mi è stata data?
C'è da farla fruttare.
L'altra parte del percentuale va all'allenamento.
Già.
Ed è qui che entra in campo l'Oggetto Misterioso.

Avete mai sentito parlare di sfere Ben Wa?
Se non avete la più pallida idea di quello che sto parlando, fatevi una cultura sulle varie pagine di Wikipedia, ma senza prendere il tutto come oro colato.

Perché girando per il web, le suddette sfere - anche chiamate smartballs, sfere dell'amore, geisha balls, chinese balls e chi più ne ha più ne metta - sarebbero diabolici congegni creati in Oriente in un momento imprecisato della storia per rendere finalmente superfluo il sesso maschile, garantendo a noi femminucce orgasmi perennemente a portata di mano.

Dell'aspetto terapeutico/ginnico - quello che a me interessava di più, avendo già un altro giocattolino volto all'eliminazione del sesso maschile dalla mia vita - se ne parla di meno, eppure le suddette sfere dovrebbero portare evidenti migliorie in molti campi della vita di una donna: allenando, grazie a queste, il pavimento pelvico, si dovrebbero avere mestruazioni meno dolorose, parti più facili, vita sessuale da pornodiva e una vecchiaia tranquilla senza ricorrere ai Tena Lady.
Il Sacro Graal?
(Ah, no, quella è la MoonCup.)

Come al solito, prima dell'acquisto - rigorosamente online - c'è stata da parte mia una lunghissima ricerca sull'amato Google per sapere se qualcuno avesse avuto esperienza con le suddette sfere. Da oggi in poi ogni ricerca contenente le parole "ben wa" porterà a questo blog, visto che non c'è fonte italiana affidabile che ne recensisca un paio. Sembra che tutti le vendano ma nessuno le compri, o le usi, o le recensisca.
Naturalmente ci sono blog americani di sex toys reviewer che ne parlano ma, ecco, sono 'mmmeregani, si sa che tendono ad esagerare.
Quindi...
Eh, quindi mi sono trovata costretta a fare la cavia.
Però ho già scritto troppo per i miei standard, facciamo che questa è una prefazione all'approfonditissima recensione che posterò nel giro di qualche giorno - con tanto di foto dell'unboxing.

Per adesso, ditemi, Fedeli Lettrici e Fedeli Lettori - soprattutto questi ultimi, voglio sapere se vi sentite "minacciati" o similia - che ne pensate?

13 commenti:

  1. Io ce le ho.
    E non mi hanno cambiato la vita.

    Ma forse nn ho ancora capito come si usano?
    Onestamente non mi riesce di pensare di metterle e poi andarmene bellamente in giro come se niente fosse waiting for the orgasm che magari mi prende mentre sto per dire 'mi fa due etti di crudo san daniel...oooaaaaaahaaaa'

    RispondiElimina
  2. wow facci sapere come ti trovi per il resto penso che nessuno stratagemma magico o scientifico possa sostituire gli stronzi,mi spiace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un ragionamento da lesbica o da frigida, semplicistico...

      Elimina
  3. la recensione sarà sempre soggettiva; in ogni caso leggerla sarà istruttivo.....

    RispondiElimina
  4. Uo, non vedo l'ora di leggere la recensione!

    RispondiElimina
  5. hahahahah col commento della Zitella mi stavo scompisciando! Voglio la recensione!
    Giada

    RispondiElimina
  6. Allora il mio sospetto era fondato: sono proprio loro!
    Viste e straviste ma mai provate, mai indagato sul loro reale funzionamento...vediamo se con la tua recensione sarai in grado di farmi venire la tentazione di comprarle!! :))
    un bacione, gaia

    ps-passerò il mio venerdì sera a leggere il tuo blog dall'inizio..ho deciso!

    RispondiElimina
  7. Secondo me non c'è da sentirmi minacciati, alla fine anche l'uomo può sempre "fare da solo"...e ci sono dei giochini che simulano la "cosetta" delle donne...quindi è un giorno ad armi pari!

    RispondiElimina
  8. Allena pure il tuo talento, non potrai che averne vantaggi, ma ti garantisco che l'intelligenza è un potente afrodisiaco ed è il vento in poppa per una relazione di successo ... solo che funziona solo con uomini un pò più maturi (diciamo dai 30 anni in su), perchè prima la concentrazione ormonale nel loro sangue gli obnubila testa e sentimenti.
    Come faccio a saperlo? Se non fosse per i soldi e lo snobbismo, tu sei come me 10 anni fa: intelligente, non bella, ma decisamente brava ...
    Buona fortuna.
    LaZia

    RispondiElimina
  9. Ho appena scoperto il tuo blog (dalla blogroll di Rano) e devo dire che questo post è geniale, divertente ed ironico!
    Sono molto curiosa di leggere la recensione :-D

    RispondiElimina
  10. Ti capisco più che perfettamente a proposito della morte di autostima a causa del naso, che ce potemo fa <3

    RispondiElimina
  11. ...come ti capisco... anch'io ahimè/ahinoi, sono "brava" al punto che per sfatare il mio egocentrismo sono stata anche con una donna... e cavoli ero "brava" pure con lei... un mio amico molto intimo... lo ammetto è stato un mio toyboy... mi ha detto che nella mia vita precedente probabilmente ero una geisha... sarà vero? bhò... fatto sta che il commento non mi ha per niente offeso anzi ha dato ancor più vanto alla mia "bravura" ed oggi reduce da 2 parti vicinissimi (le mie figliolette hanno 18 mesi di differenza) il mio maritino ha deciso di farmi un regalo... regalo imboccato per così dire (che ne dici di prendermi un paio di sfere giapponesi?!?) iniziale sgomento da marito bigotto... poi mi ha consegnato un delizioso pacchetto che agli occhi di un profano poteva sembrare un porta gioielli di tutto rispetto... e dentro voilà... 2 belle sfere tutte per me!!!
    probabilmente devo farci un po' l'abitudine ma oggi... tenendole con me mentre servivo il caffè ad una coppia di amici... mi sentivo gli occhi addosso di mio marito che cercava di studiare un mio fantomatico orgasmo... io provavo un leggero piacere ma con stoico coraggio ed oltraggiosa disinivoltura gironzolavo per casa sculettando come quando ero una single affamata di sesso e studiavo le reazioni di mio marito che rosicava e si ingrufava come non mai... che dire... forse la magia è proprio questa... sapere che le hai... ma non lasciar intuire le sensazioni che generano... il vaso di pandora... guardare e non toccare... un giochino che solletica terribilmente e chissà se davvero con la palestra "intothebody" riuscirò a smettere di soffrire di incontinenza postparto!!!

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...