Alexander Wang S/S 2013 | Diario di una Snob - il blog di Marta Zura-Puntaroni

8 commenti:

  1. Spettacolo quei sandali!! Certo devi avere una bella gambetta affusolata, altrimenti sembri un cotechino. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altissimo rischio-cotechino, hai ragione.

      Elimina
  2. Giammai, io sono per il decadentismo, per le atmosfere dannunziane (d'annunziane?) e per gli accessori barocchi.

    RispondiElimina
  3. Bisognerebbe mescolare saggiamente le due tendenze.

    RispondiElimina
  4. Forse sbaglio, ma credo che lo stile di una persona - quando è autentico - sia "indefinibile". Voglio dire: non "minimalista", né "barocco", né qualunque altra cosa. Lo stile di Viola, nient'altro. Poi, certo, può citare grandi stilisti, può citare un periodo, può citare un'immagine. Ma è sempre una sintesi, una rielaborazione minima e personale. Quando lo si può etichettare, allora non è stile, ma soltanto riproduzione.
    Forse capirai di aver trovato il tuo stile proprio quando non ci penserai più.
    Tu cosa ne pensi?
    Ale

    RispondiElimina
  5. Ahahahhahahahah... Mi ha fatto morire il tuo post... Simpaticissima! Spero di averlo scritto in italiano decente :-)

    RispondiElimina
  6. hai perfettamente ragione.

    baci

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]