Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: È arrivato Settembre.

È arrivato Settembre.

A dire il vero, Settembre è arrivato ad Agosto, poi è andato al concerto dei Sigur Rós ed è tornato solo qualche giorno fa.

Siamo entrambi alla prima coabitazione con un elemento di sesso opposto: è un'esperienza affascinante. Durante il nostro primo incontro - quello che avrebbe dovuto gettare le basi di una relazione a due fatta di turni di pulizie di cessi e pavimenti, acquisto di carta igienica, zucchero e caffè - ci siamo limitati a decidere che: a) lui abbassa la tavoletta del water e non sparge fluidi vitali in punti non consoni dello stesso, b) io non gli rompo i coglioni, c) la parola d'ordine è "Mi manda George Lucas", d) lui si chiama Andrea ma io lo chiamo Settembre perché il nome Andrea mi mette ansia e deve sempre essere appiccicato a qualcos'altro o, ancora meglio, eliminato e sostituito con altro.
L'ultimo punto della lista è quello che Settembre non condivide.


(E l'unica passione in comune tra me e lui è Star Wars.)


Da lì in poi tutto liscio. La casa si sta mantenendo pulita senza che io sappia come - probabilmente lui pulisce quando non ci sono perché è un germofobo, boh - ed ogni volta che passo di fronte alla sua camera lo trovo attaccato al PC con cuffie perfettamente isolanti.

"Settembre, io esco."
"..."
"Settembre."
"..."
"SETTEMBRE!"
"Eh?"
"Settembre, io esco."
"Io non mi chiamo Settembre."


A tratti mi sento una naturalista - come la bimba che s'abbotta di Kinder Brioss - e nel fondo del mio cervello risuonano cose tipo il giovane maschio di nerd si avvicina alla pozza d'acqua.

E sono meno di dieci giorni che coabitiamo e di base io a casa non ci sono mai e quindi boh. Non so come evolverà questa cosa.

11 commenti:

  1. Sono preoccupata soltanto di come ti influenzerà la sua presenza nei momenti depressivi.
    Settembre almeno controbatte, meglio dell'indifferenza e del cenno con la testa
    Nadiay

    RispondiElimina
  2. questa storia fa molto Sweet November

    RispondiElimina
  3. Fantasie a parte, deve essere molto strano condividere la propria abitazione con uno sconosciuto di sesso opposto. Vi faccio gli auguri.

    RispondiElimina
  4. beh.. le premesse sembrano ottime!! :)

    RispondiElimina
  5. Perché ho l'impressione che nascerà qualcosa?



    Con affetto,Mia

    RispondiElimina
  6. Bello questo esperimento. Bello.

    RispondiElimina
  7. anch'io voglio un giovane nerd in casa da sfruttare quando ho voglia di giocare con il nintendo. Sai che partitoni epici a mario kart?

    RispondiElimina
  8. Magari va anche bene come stai facendo no? Alla fine si tratta si non darsi fastidio in ogni caso...civile convivenza!

    RispondiElimina
  9. ah, la coabitazione, quanto è dura! specie con germofobi: ne so qualcosa!

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...