Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Come sopravvivere ad una sessione d'esami / parte seconda: consigli pratici più o meno snob

Come sopravvivere ad una sessione d'esami / parte seconda: consigli pratici più o meno snob

Ripubblico, a grande richiesta, uno dei post più letti di questo blog.

Abbiamo introdotto più che degnamente l'argomento in questo post, e adesso possiamo passare alla pratica, aka Il Programma di Sopravvivenza.

Naturalmente i consigli del Programma vanno adattati alla vostra persona, alla gravità della situazione e alla difficoltà dell'esame. Se seguiti tutti assieme possono portarvi ad avere, nel periodo di studio, una vita sociale nulla ed una modalità esistenziale ascetica, autistica e incentrata sul bello e sull'automiglioramento. Non consiglio di avere questo stile di vita in maniera continuativa o potreste iniziare ad essere considerati un po'... strani.
Come minimo.

"Sessione d'esame" è una maniera come un'altra per dire "periodo di crisi."
Buona parte dei punti del Programma possono essere utilizzati anche in caso di lutto amoroso, depressione, sensazione che la propria vita non abbia più senso e similia.
Ok, iniziamo?

1 ♥ Calcolate i tempi: non c'è nulla di peggio del trovarsi a tre giorni dall'esame e con un intero libro da leggere. Non perché ci siano concrete possibilità che il professore vi chieda qualcosa in merito, ma l'idea di non averlo letto vi ossessionerà e vi farà arrivare all'esame con la faccia più colpevole del mondo.
Pensate di aver bisogno di quattro settimane? Prendetevene cinque.
A meno che non siate il tipo di persona capace di presentarsi ad un esame senza aver toccato libro e con l'espressione più pacifica del mondo. In quel caso, non avete bisogno di questo post e potete andarvene a leggere altro.

2 ♥ Back to basic: soprattuto nel caso questo sia il vostro esame "mostro nero", è il caso di eliminare ogni tipo di distrazione o preoccupazione esterna. Dovete creare un mondo dove esiste una singola entità: voi stessi. E voi dovete dare l'esame.
L'amica che litiga una settimana sì ed una settimana no col ragazzo e pretende il vostro sostegno psicologico telefonico?
Vostra madre che vuole mandarvi a prendere il latte?
Coinquilina con - anche lei - un esame da dare?
Vostra nonna che vuole essere accompagnata a messa?
Ogni varia ed eventuale possibile?
Eliminateli tutti.
Eliminateli.
Tranne casi vitali o fatali, tipo infarti o funerali, voi non ci siete per nessuno.
Le persone più care capiranno la vostra situazione e vi lasceranno in pace.
Gli altri... Be', gli altri se ne vadano affanculo.
Amen, sorella.

3 ♥ Eliminate gli eventi sociali
Io adoro stare sotto esame perché posso declinare da tutte gli inviti che in verità dovrei accettare senza arrovellarmi troppo.
"Non posso, ho un esame."
Se per voi, come me, non è un peso passare un sabato sera a vedere un film sul divano invece di passarlo per locali fighi a scroccare drink e sigarette fingendo di divertirsi un mondo, allora non fatevi scrupoli e dite di no. Senza sentirvi in colpa, senza badare alle insistenze delle vostre amiche. Magari fate la faccetta un po' dispiaciuta, così non si insospettiranno del vostro rifiuto così pacato.

4 ♥ Datevi degli orari
La storia della soglia d'attenzione la conosciamo tutti, no? C'è chi dice che dopo soli quindici minuti il cervello inizia ad ingolfarsi e ad abbandonare il corpo - o magari a ricattare e contrattare come quello di Homer -, c'è chi dice dopo un'ora.
Puntare la pausa a quarantacinque minuti mi sembra un buon compromesso. Mettete un timer o la sveglia - altrimenti passerete il tempo in cui dovreste studiare a guardare l'orologio - e, ogni tre quarti d'ora, alzatevi, sgranchitevi e fate dieci minuti di pausa.
La giornata di studio ideale prevederebbe quattro unità di studio mattutine e quattro-cinque ore pomeridiane.
Evitate lo studio di sera. Sia perché, se state seguendo questo schema, ormai avrete il cervello in pappa, sia perché mettervi a studiare prima di andare a letto vi riempirà d'ansia per la sessione di studio del giorno dopo ohmmioddddio ancora devo leggere tutto questo questo e questo vi impedirà di dormire serenamente e dormire serenamente è il punto 5.

5 ♥ Dormite
Come sopra la storia della soglia d'attenzione, è inutile che mi metta a fare la Piero Angela della situazione e vi spieghi come il sonno notturno permetta di rielaborare quanto imparato di giorno e di quanto sia importante per una giusta memorizzazione. (Se non lo sapevate o siete scettici, pensate ai neonati. Secondo voi perché i mocciosi fino ad una certa età passano buona parte delle loro giornate a dormire? Perché non sanno un cazzo della vita e lo imparano dormendo. Svelato il mistero.)
Quindi è completamente inutile passare diciotto ore sui libri per poi dormirne solo quattro. Il vostro cervello non avrà tempo di stoccare tutte quelle interessanti nozioni di Anatomia Patologica o di Teoria della Letteratura o chissà che altro e, mandato in panico dal vostro subitaneo risveglio, butterà tutto via senza dirvi nulla.
Otto ore a notte.
Tipo, da mezzanotte alle otto di mattina. Durante il periodo d'esami. Che ne dite? Pensate di farcela?
Ma devo finire almeno questo capitolo perché poi altrimenti...
Qualcosa letto alle tre di notte, dopo ore di studio, difficilmente vi resterà in testa. Andate a dormire e pensateci domani.




6 ♥ Alternative alla scrivania
Non so voi, ma io ho sempre associato la scrivania all'idea di sofferenza. Immane sofferenza. L'immane sofferenza di cinque anni di Liceo passati a cercar di capire, inutilmente, la matematica. Non so, magari voi vi trovate bene sulla scrivania. Ma, pensate. Dov'è che, quando potete, vi mettete a leggere? Nel vostro letto, sul divano, su di una vecchia poltrona - non fatemi fare l'elenco di tutto il mobilio esistente - ecco, a meno che non siate dei fedelissimi del banco di scuola, trasferitevi.
Io studio a letto da cinque anni.
Nel caso del letto, l'unica cosa che non dovreste fare è aprire i libri appena vi svegliate, mentre ancora siete mezzi addormentati e addormentarvi con questi sparsi malamente sopra di voi, quando crollate per la stanchezza.
Cercate di dare delle nette divisioni ai momenti in cui si studia e a quelli in cui si dorme, rifate tutte le mattine il vostro letto, portatevi una coperta e qualche cuscino in più per studiarvi. Poi, arrivata sera o comunque finito il periodo di studio, riponete libri, coperte e varie ed eventuali altrove e fate ritornare il letto solo letto.

7 ♥ Cercate di ricordare quando quello che studiavate vi piaceva
Perché questa é l'Università, e a meno che non siate stati obbligati dal vostro padre commercialista ad iscrivervi a Economia e Commercio la facoltà che avete scelto, almeno all'inizio, vi piaceva. Vi affascinava. Ecco, cercate di visualizzare i motivi per cui vi piaceva. Portateli con voi in questa sessione. Non pensate sempre e solo che devo assolutamente passare quest'esame, trovate la bellezza in quello che state studiando.
(Questo punto è uno dei più difficili, se dopo aver passato tre ore in meditazione nel tentativo di trovare la bellezza nella materia provate solo ancora più schifo, rinunciate e passate oltre senza sentirvi in colpa.)




8 ♥ Sfruttate le pause
Come abbiamo detto nel punto 4, è vitale che le sessioni di studio siano ben intervallate così da permettere la sopravvivenza dello studente.
Invece di andare in stato comatoso o passare i dieci minuti concessi dal Programma a mandare le foto del vostro libro sottolineato da tanti colori diversi di Stabilo Boss su Instagram, cercate di fare qualcosa di utile a voi stesse. Le possibilità sono infinite, io butto giù qualche proposta.
Pausa tè: consumare un paio delle pause quotidiane a disposizioni per farvi delle belle tazze di tè verde vi farà arrivare all'esame con un paio di chili di ritenzione idrica in meno. Comprate quello sfuso, in foglie, possibilmente di tipo giapponese come il bancha. Sa d'erba, ma fa miracoli.
Mani-Pedi: finalmente avete tutto il tempo che volete per far asciugare lo smalto. Una passata a pausa, con tre quarti d'ora attesa, e avrete mani da far invidia.
Home SPA: tutto quello che non avete mai potuto fare per mancanza di tempo, ora che siete in reclusione, è possibile. Maschere all'argilla, pulizia casalinga del viso, fanghi anticellulite, henné - naturalmente, cercate di mantenere un po' di privacy e non spaventare i coinquilini - in un quarto d'ora applicate e poi, mentre tenete in posa, casualmente, vi leggete un altro capitolo del vostro libro. Così, per svago. Fingete d'essere in una SPA con riviste molto noiose a disposizione - sempre meglio di niente. Sono sicura che le Fedeli Lettrici già hanno un nutrito ricettario di pozioni varie da spalmare in vari punti del corpo, ma, nell'attesa di produrre una sezione Beauty del blog, vi rimando ad un post fresco fresco di Miss Marlboro. Mentre per quel che riguarda i capelli, intanto prendete questo.

9 ♥ Alimentatevi degnamente
I classici tre pasti e due spuntini al giorno. Contando la mia dieta sregolata non penso di essere la migliore per dare consigli, ma ci provo.
Nel caso voi siate a casa dai vostri genitori - quindi con qualcuno che fa la spesa e vi nutre - l'unica cosa a cui dovete stare attenti è non ingozzarvi troppo, pena l'arrivare all'esame rotolando.
Nel caso siate, come me, studenti fuori sede...
Riempite frigo e dispensa di cibo salutare, per quanto possibile evitando il junk food più pessimo, concedendovi, nonostante tutto, qualche consolazione per i momenti di sconforto - a questo proposito meglio un pacco di Pan di Stelle o qualche tavoletta di cioccolato decente che roba ancor più elaborata e complicata.
(Naturalmente sempre sia presente un barattolo di Nutella, da tenere con la stessa cura di un estintore. Dentro una teca di vetro, con scritto "rompere solo in caso d'emergenza.")
Cercate nonostante il tentativo di salubrità alimentare di non prendere cose che impieghino troppo tempo e/o attenzione per essere cucinate... Riassumendo, io vado avanti a Croccole al Salmone e altri simili prodotti ittici surgelati e facili da preparare, più scorte disumane di insalate pronte.




10 ♥ Due docce al giorno
Lo so che la voglia di rotolare fino alla doccia e lavarsi e poi asciugarsi i capelli è poca, e che tanto non mi vede nessuno, ma oltre il fatto che dovreste sempre essere pronte a ricevere eventuali visitatori, una doccia la mattina appena alzati per svegliarsi ed una alla sera prima di andare a dormire saranno di grande aiuto per la vostra sanità mentale e per aiutarvi a distinguere i tempi di studio da quelli di relax. Mi raccomando, quella della sera la voglio con l'accappatoio fresco di bucato e caldo di termosifone, le candele accese e Carla Bruni che canta in sottofondo. Se poi avete la vasca da bagno che ve lo dico a fare. Una bella spolverata di Borotalco o un bel massaggino di Olio delle Fate e sarete come nuove.

11 ♥ Correte
L'ideale sarebbe verso le sette e mezza, quando ormai il cervello è andato dopo diverse ore di studio e avete bisogno di una riossigenata. Fatevi la treccia, mettetevi pantaloncini, felpa e scarpe da tennis, portate il vostro iPod e andate a correre in qualche parco vicino casa. Basta una ventina di minuti, non di più.
Questo è il consiglio che le più pigre e le meno sportive tenteranno di ignorare.
Ed invece non sapete quanto possano fare all'umore e alla vostra capacità d'apprendimento venti minuti all'aria aperta. Anche se a Dicembre. Anche se piove.
Se proprio siete digiuni di corsa, vi posso consigliare di scaricarvi la demo gratuita di Rock Run Roll per iniziare.

12 ♥ Circondatevi di bellezza
Niente abbrutimento. Ero partita con l'idea di non darvi consigli per gli acquisti durante questo post, ma di questo non ho potuto fare a meno, Voglio che prima dell'inizio di questo programma vi compriate due completi da camera - non devono essere La Perla, eh, va bene pure Tezenis o Intimissimi - del vostro colore preferito, comodi ma abbastanza frou frou e vezzosi da rendere piacevole l'essere indossati. Probabilmente saranno il vostro abbigliamento per tutto il programma, e, come il punto 10, vi salveranno dal rischio di sembrare Tom Hanks in Cast away a parenti, coinquilini ed eventuali visitatori, nonché a voi stessi, nel caso passasse di fronte ad uno specchio.
Ecco, di base dovreste dovreste mantenere un aspetto decente per evitare che la vostra immagine riflessa vi deprima ancora di più.
Visto che avrete comprato alimenti che necessitano di scarsa preparazione, almeno apparecchiatevi tutto di tutto punto, preparate la tavola come se doveste fare una foto da mettere su Instagram e mangiate lentamente, con relax.
Io visto che non ho neanche voglia di apparecchiarmi, ho ovviato al problema comprandomi un vassoio Ikea con sopra tanti elefanti colorati, dove piazzo il mio servizio di piatti di plastica colorati e il mio calice di plastica trasparente viola - me lo hanno regalato, 'sto servizio, non ne sono responsabile. Per il vostri tè utilizzate belle tazze, per le vostre crisi di pianto usate fazzoletti rosa di Hello Kitty, preparatevi delle belle ciotole piene di Galatine o caramelle Ambrosoli da succhiare nei momenti di sconforto. La vostra vita dovrebbe auspicabilmente collocarsi tra quella di queste due signorine, somme esperte della solitudine e dell'autismo:




La giornata ideale del Progamma sarebbe
(anche qui, adattatela a voi e ai vostri usi e costumi):
8:00 - Sveglia e colazione (a letto, se volete) in massimo relax, con lettura di qualche news su iPad/iPhone o con un po' di radio a fare compagnia. Vietatissimo accendere PC e/o televisione. (Vi chiederete, ma che cambia tra PC e iPhone/iPad? Tra TV e radio? Cambia. Fidatevi.)
8:30 - Aprite tutte le finestre della camera e fate arieggiare, anche se è inverno, soprattutto se lì vi dovrete rimettere a studiare. Andatevi a fare la doccia. A ritorno, pulite e profumate, rifate il letto e mettetevi in modalità studio.
9:00 - Iniziate con le quattro unità da tre quarti di studio + uno di pausa.
13:00 - Lasciate la vostra stanza, fate arieggiare as usually, preparatevi pranzo con cura e mangiate. Siete autorizzati ad accendere la TV e, dopo pranzo - a meno che come me non mangiate anche di fronte al computer - il PC. Rilassatevi e spegnete il cervello.
15:00 - Si ricomincia. Spegnere la TV. Spegnere il PC. Niente lo tengo acceso perché così... È una enorme fonte di distrazione, non fatelo. Altre quattro sessioni come al solito.
19:00 - Preparatevi a chiudere con la vostra giornata di studio. Mettete da parte i libri, tenetevi solo qualcosa che sentite il bisogno di riguardare prima di sera perché non siete sicuri o non avete capito bene, ma tutto materiale già visto almeno una volta. Cambiatevi e andate a correre.
20:00 - Tornati dalla corsetta, doccia rilassante. Lavate via la giornata, passateci pure mezz'ora senza sentirvi in colpa.
20:30 - Cena.
21:30 - Adesso, per le prossime due ore e mezza potete fare quello che volete. Godetevi PC e TV. Guardate film e telefilm in prima serata. Aggiornate il vostro blog, leggete quelli degli altri, condividete con gli altri la vostra sofferenza da esame. Tenete sottomano della chick-lit da poter leggere con il solo neurone rimasto vivo, oppure vari ed eventuali manuali d'automiglioramento femminile, Nina Garcia va bene, come anche Donna Letizia.
23:30 - Mezz'ora di restauro finale, latte detergente su viso e collo - non scordate il collo - cremina viso, cremina corpo, tutto per bene.
24:00 - Nanna.

Per concludere: questo post, nonostante sia già relativamente nutrito così com'è, è tuttora in fieri. Perché sicuramente mi sono scordata alcuni pezzi, o ho tagliato su altri perché m'ero stancata di scrivere - capita - o cose così.
Vorrei che questo post resti presente nel web come Bibbia di Sopravvivenza alla Sessione d'Esami, anche se per ora i consigli son piuttosto banali, anche con il vostro aiuto.
Qualsiasi consiglio, commento, idea, trucco, parte di Programma abbiate o conosciate, per favore, rendetemi partecipe attraverso i commenti qua sotto. Sarà mio dovere prendere i vostri link o le vostre proposte e trascriverle, citandovi se volete, qua sopra.

Direi che per ora può anche bastare.

47 commenti:

  1. Giuro che il programma giornaliero lo stampo e lo attacco al frigo ;)Peccato che ora con il tirocinio dalle 9 alle 13 io possa fare solo metà..Mi hai fatto venir voglia di studiare! :D

    RispondiElimina
  2. mi sa che lo stampo anche io! è fantastico questo programma, l'unico problema per me è che per studiare devo tenere per forza il pc acceso, è vero mi distraggo molto ma non ho alternativa.. per il resto, perfetto!
    buon inizio settimana :)
    p.s. ho cambiato il link al mio blog se ti va di passare è questo qui:
    somethingoranythingaboutm.blogspot.com
    M.

    RispondiElimina
  3. Consigli ottimi! Io però non credo che sarei in grado di seguirli.. in sessione d'esami divento veramente un orso, o in alternativa non faccio un cavolo (con conseguente bocciatura).

    P.S. Grazie del link ♥

    RispondiElimina
  4. Questo post è molto utile, a me servirebbe anche un coach che mi obblighi a rispettarlo perché la volontà latita.
    Ma come gestisci i ripassi? Perché mille anni fa io ero iscritta a giurisprudenza e iniziavo davvero a studiare anche due mesi prima dell'esame, ma quando finivo il programma avevo già dimenticato cosa c'era scritto 500 pagine prima. C'è un metodo anche per i ripassi?

    RispondiElimina
  5. Me lo stampo ora che sono tornata dal lavoro!!!!
    Sarebbe interessante leggere un post di organizzazione giornaliera per chi , come me, studia e lavora!!!!!!:)

    RispondiElimina
  6. Oddio ma sul serio studi così tante ore al giorno? :S

    E come fai a studiare da sola? Non ti viene voglia di impiccarti al lampadario?

    RispondiElimina
  7. adoro leggerti. essere snob è un arte.


    http://nonsidicepiacere.blogspot.com/

    RispondiElimina
  8. Oddio adoro leggere i tuoi consigli e tutti i tuoi post, mi rallegrano la giornata ;D è già da un po' che ti seguo, ora ho creato anche io un blog ricambieresti? grazie mille in anticipo!!!

    RispondiElimina
  9. Questo post mi ha messo voglia di studiare! :)
    Attendevo con ansia la seconda parte! :)
    Ben fatto!
    yumiKo

    yumikontheworld.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. Hai proprio ragione... anche se, a essere del tutto sincera, per l'ultimo esame sono andata contro il punto 5, arrivando a dormire solo tre/quattro ore per notte :(

    RispondiElimina
  11. La parte più importante è eliminare le persone che ti distolgono dallo studio e pretendono che tu viva solo dei loro litigi e dei loro drammi.
    "ma secondo te devo rispondere allo squillo del mio ex ex ragazzo?"

    DEVONO SPARIRE TUTTI.

    un abbraccio spagna-francia.

    Lollo

    RispondiElimina
  12. Io adoro il tuo blog:D questo me lo stampo:D

    Mi farebbe piacere se passassi a trovarmi, c'è un giveaway in corso sul mio blog. In palio un kit di 4 smalti OPI della nuova collezione invernale "Touring America". Per partecipare vai a questo link:
    http://breakfastatkaty.blogspot.com/2011/09/opi-giveaway.html

    RispondiElimina
  13. Sono fastidiosamente metodica e pignola, e questi metodi li ho più o meno sempre applicati nel corso dei sei anni in cui ho studiato Medicina (infrangendo, nell'ultimo anno, la regola del non studiare di sera: altrimenti non avrei mai finito e non starei scrivendo la tesi in attesa di laurearmi a fine mese). Ma allora com'è che ho continuato a somatizzare in 1769601 modi diversi il mio stress e a percepire nettamente il male di vivere avanzare ad ogni data d'esame in avvicinamento?! L'università è Il Male.

    RispondiElimina
  14. Fantastico post!!! Dico davvero: Fantastico!!! Un consiglio per quelli che come me devo usare il computer per il loro studio, (ad esempio come me per progettare), scollegarsi da internet, spegnere la rete wireless...insomma estraniarsi dal mondo!


    http://www.cheapandglamour.com/

    RispondiElimina
  15. Devo dare gli esami da privatista per passare degli anni delle superiori e non sapevo più dove sbattere la testa per studiare. Quando ho visto questo visto ho quasi pianto dalla gioia! Grazie mille, ti dedicherò il mio diploma.

    RispondiElimina
  16. Ti ho appena scoperta e ho visto questo post che capita veramente a pennello.Lavoro il pomeriggio ma veramente voglio provare( e riuscire) ad applicarlo..e non perchè non mi sia mai fatta programmi ma perchè li faccio in mente e invece vederli scritti è tutto un altro paio di maniche.Sappi che ti sei appena guadagnata una ( o meglio un'altra) fidata lettrice! :)

    RispondiElimina
  17. Mia carissima Snob, tutto perfetto... ed è quello che faccio sempre anche io!!!
    Adoro il tuo modo di scrivere e gli argomenti che tratti!

    xoxo
    Roberta

    RispondiElimina
  18. Io la regola imperativa del dormire la riesco a seguire benissimo, tutte le altre sono il problema xD La regola 1 poi mai stata in grado di seguirla, io mi son spesso ritrovata a 3 giorni dall'esame che ancora dovevo studiare tutto il programma, altro che un solo libro, mi sottoponevo a dei veri tour de force augurandomi di non passare l'esame così avrei imparato la lezione, poi naturalmente l'esame lo passavo e rifacevo tutto da capo xD

    RispondiElimina
  19. a parte per la fase del correre, che proprio non ce la posso fare (ma ovviare con mezz'ora di dance revolution, me lo concedi?) questo sembra proprio il programma che fa per me! (se non fosse che ho anche un fidanzato e due gatti da accudire e quindi i tempi del pranzo-etc si fanno un po' più dilatati...
    Però giuro, da lunedì comincio, magari riesco davvero a dare i miei tre esami la prima settimana di giugno! se ci riesco sappi che ti dovrò la mia eterna gratitudine! :D

    A*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Dance Revolution va bene uguale... Fammi sapere se riesci nell'impresa.

      Elimina
  20. Se non ho iphone/ipad che faccio, mi suicido?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non li hai probabilmente non sei abituata ad usarli, se non sei abituata ad usarli probabilmente non ne sentirai la mancanza. Mentre un utente Apple medio se si trova disconnesso troppo a lungo inzia ad andare fuori di testa, quindi ho dato dei momenti, durante la giornata, in cui l'utilizzo è concesso.

      Elimina
  21. Come universitario maschio "medio", sono sempre stato quello che, al punto 1, si presentava tranquillamente agli esami con buchi di preparazione più o meno profondi. Ciononostante, ho letto con attenzione tutto il resto e, davvero, hai scritto cose molto giuste e condivisibili. Soprattutto quando raccomandi di "ricordare quando quello che stai studiando ti piaceva"; a 11 anni dalla laurea, ci sono momenti in cui mi torna voglia di studiare cose, e penso sia una fortuna.

    RispondiElimina
  22. io studio meglio di notte! quindi il tuo programma per me è inseguibile!

    RispondiElimina
  23. Leggendo, riflettevo. Sentivo aleggiare un qualcosa che elevava il post dal pur utilissimo buon vecchio senso comune, ma non riuscivo ad afferrarlo. La lingerie da sessione? No...L'ama quel che fai? Nemmeno...poi, finalmente, ho capito: "manuali d'automiglioramento femminile, Nina Garcia va bene, come anche Donna Letizia". Ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato il genere.
      Belli i puntini di sospensione.

      Elimina
    2. Del sarcasmo! Cacchio! Dove ho sbagliato? Forse lo intuisco: non ho messo gli spazi dopo i puntini. Non potrò mai più menarmela da cruscante (ma forse lo farò lo stesso). Però credimi, la mia ammirazione per il tuo citazionismo su Donna Letizia è autentica.

      Elimina
  24. questo post è bellissimo. credo sia il primo post che ho letto sul tuo blog e mi è rimasto in testa da una vita. una curiosità: questo è davvero il tuo programma quotidiano o è un modello a cui ...aspiri?
    io non sono in grado di attuarlo ma c'è da contare che sono la responsabile della spesa e della cucina in casa mia :( quanto preferirei un set ikea per apparecchiare a tutti!!

    RispondiElimina
  25. ho finito il periodoscuola da una vita ma..qusta todolist e' perfetta anche per chi come me deve dividere il suo tempo fra lavoro-cuccioloduenne-casa-hobbyss!! Pur non essendo 'snob'(o cosi' ho sempre creduto!!!) mi ritrovo nel tuo stile... Complimenti! Danila

    RispondiElimina
  26. Ho riempito libri, appunti, fotocopie, dispense, persino le note a pie pagine delle slide con "consigli per studiare" che mi venivano al momento. Roba che ci potrei fare un libro per futuri studenti.

    Niente.

    7 anni di buoni propositi scritti non mi hanno resa più saggia.

    Mi hanno solo fatto capire che con le parole son brava.
    Coi fatti un pò meno.

    RispondiElimina
  27. Scusate la mia ignoranza, ma l'immagine sotto quella di amelie, da che film è tratta?

    RispondiElimina
  28. Questo post è geniale!I tuoi consigli sono più che validi soprattutto considerando il livello di abbruttimento che io e tutti gli studenti sotto esame possono raggiungere.
    Il momento peggiore arriva quando non ce la puoi più fare a studiare e una riga la puoi rileggere mille volte ma non te la ricordi,ma fare qualsiasi altra attività ti porta ad un senso di colpa schiacciante!

    http://onlyastorminacoffeecup.blogspot.it/

    RispondiElimina
  29. si,infatti era sparito l'ennesima volta...

    RispondiElimina
  30. ottimi consigli!
    c'è un nuovo post sul mio blog, ti va di passare? =)

    RispondiElimina
  31. Ok snob. Metterò il link a questo post nella diapo con le fonti da consultare alle mie lezioni ;) e chissà che non ti ritrovi il blog invaso da giovani studentelli di medicina?? ( nel qual caso dammi pure la colpa eh ;)

    RispondiElimina
  32. Meraviglioso! Mi fai venir voglia di prendere una seconda laurea. No, anzi no. :)

    RispondiElimina
  33. un bel programma,,,

    RispondiElimina
  34. Consigli molto utili :-)

    RispondiElimina
  35. Appena ho letto il tuo programma erano le 19:30 e, anche se un po' in ritardo, non ho nemmeno finito di leggerlo che sono andata a correre come hai detto! Erano giorni che stavo a casa: rimango seduta per studiare (oltre che per pranzare e cenare) più di 10 ore al giorno! La vita da studente universitario non è per niente salutare!
    Andando a correre un'oretta ho finalmente visto un po' di volti nuovi, ho respirato aria fresca al parco, in mezzo al verde e ho fatto un po' di sana attività fisica! Ci voleva!
    Poi doccia rigenerante, cena leggera ed eccomi qui, a finir di leggere il tuo programmino! :)
    Ho già provveduto a disattivare Facebook per evitare distrazioni, dato che ho il PC acceso per le slides, e da ora in poi andrò a correre almeno un giorno sì e un giorno no!
    Darò il massimo di giorno, in modo da non sentirmi in colpa per dedicare la serata al completo relax!
    Grazie! ^_^ Ora mi godo un bel film!

    RispondiElimina
  36. Ho riletto il post adesso perchè mi devo motivare: ho venti giorni per ripassare tutto il programma di anatomia 1. Consigli ottimi e pratici. Devo imparare ad applicarli.
    p.s. Sono conscia di avere una pessima ortografia.

    RispondiElimina
  37. Non c'è nessun consiglio, per chi come me, lavora?
    Il piano da te strutturato lo ammetto, è invitante, peccato che io dalle 14 alle 20 lavoro :(
    motivo per cui la mia giornata di studio va a farsi benedire :(

    RispondiElimina
  38. io propenderei per 3 sessioni da un ora in tutto il giorno....

    RispondiElimina
  39. Ciao Snob, mi piacerebbe sapere quale metodo di studio consiglieresti.

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...