Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: My night is colored headache grey.

My night is colored headache grey.

Sono ormai giorni che a malapena capisco cosa sta succedendo.
Sto scrivendo la tesi, ho scritto la mia tesi, stavo scrivendo la mia tesi.
Dall'una di notte in poi, di solito, perché di giorno c'è tanto da fare - e tu chiami giorno quella cosa che fai iniziare alle cinque di pomeriggio? Davvero? Piccolezze.
Novembre è sempre stato un mese strano, un mese in cui sono solita fare una marea di cazzate. La paura di un altro anno che passa - l'ennesimo anno che doveva essere tuo, o di tanti altri, e non mio: so che tornerai a prenderteli, e non aspetto altro.
Cosa ho fatto questo mese?
Ero innamorata di uno, ho scoperto che lui non era innamorato di me. Mi sono fatta tre microdermal. Sono andata a Milano trovare un altro, quest'altro, contro ogni aspettativa, ha spazzato via quello di prima pur senza lasciare una sua presenza ma piuttosto un alone, una luminescenza, una potenzialità. Sono andata a Torino. Sono tornata a Siena. Ho continuato a scrivere la tesi. Ho litigato con delle amiche, facendo poi pace. Ho fatto file in segreteria. Ho pianto per le altrui vittorie. Ho giocato con la luminescenza, la potenzialità, con l'alone. L'ho visto rafforzarsi, sbiadire, brillare. L'ansia che provavo per questa meravigliosa piccola cosa mi ha impedito di godermela e godermene i cambiamenti, ho preferito ammazzarla stamattina. Aveva smesso di luccicare da meno di due minuti, avevo appena cancellato il numero dal cellulare. In pochi secondi gli universi da me conosciuti avevano subito un'enorme dilatazione - senza weekend o caffè promessi ad aspettarci, il tempo a nostra disposizione sembrava potenzialmente infinito e impossibile da sprecare. Ero ancora a letto, ho aperto la finestra e recuperato l'ultima sigaretta del pacchetto. Mi sentivo male, ma con tanto orizzonte.




Poi è arrivata una mail.

6 commenti:

  1. Sono scelte quelle che si fanno. Si prova. Per vedere cosa succede.

    RispondiElimina
  2. Adesso chiediti, non sei stata un po' impulsiva? Nella vita bisogna ascoltare te stesso, o te stesso prende il sopravvento su di te.
    L'importante è comprenderene il linguaggio.
    Non è da tutti comprenderlo.
    Saluti Una, Tony

    RispondiElimina
  3. è colui che indossa la cravattina sottile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non frequento uomini che portano cravatte con pala superiore ai due pollici e mezzo.

      Elimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...