Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Come posso

Come posso


Come posso credere che questo Dio in cui non so se credo possa essere inclemente, se mi è così facile dimenticare?

Forse non tutto - perché ricordo esattamente com'era vestito e come gli erano state giunte - da altri; un'azione che, a posteriori, penso mi sarebbe piaciuto compiere - le mani, e ricordo i graffi e ricordo di essermi chiesta: per quanto continuano a guarire, le ferite, dopo che è finita?

Ma è passato un mese e già non ricordo più nulla - l'accelerarsi del mio respiro quando hai girato verso di me il tuo Mac per farmi vedere quanto erano consumati i tasti e di come sia stato evidente, per la prima volta ad entrambi contemporaneamente - e la tua delusione nel non ritrovare più nulla quando finalmente hai avuto il coraggio per indagare, per cercare di capire. Potevo vederla chiaramente anche se guardavo appena oltre di te, oltre il vetro, il Campo - e per la prima volta le tue preoccupazioni mi sono sembrate piccine, e le tue parole noiose, e anche i tuoi vari tentativi di utilizzare i miei punti deboli sono falliti, e non ho pianto.

Ma è passata una settimana e già non ricordo più nulla - la voce, nonostante ti abbia chiesto di dire il mio nome e tu ne abbia detti tre, quattro - tutti miei - prima di dire quello giusto, quello che non dice mai nessuno. L'esatta sensazione - la grana della pelle della tua spalla contro il palmo, il cotone della tua camicia contro il dorso - mentre infilavo le mie dita oltre il colletto, mentre mi chiedevi di non farlo. O, anche - altro, altro, altro. Per adesso rimangono solo gli occhi, e solo perché se ne stanno qua da prima - da febbraio, credo - se ne sono stati qua durante tutto questo tempo, questi mesi, in cui io ero per te quello che ora tu sei per me.

Ma se ne andranno a breve.

Come posso credere che questo Dio in cui non so se credo possa essere inclemente, se mi è così facile dimenticare?






{Never kisses, all you ever send are fullstops.} 


{∆}


4 commenti:

  1. Ci si allena.Si soffre.Si dimentica.A volte passa troppo tempo.
    Dimmi come fai tu a dimenticare,se puoi,Viola.
    Zoé

    RispondiElimina
  2. Snob....ti capisco bene
    Anche lui è per me ora ciò che sono stata per lui prima....così scontato da non sembrare vero!
    Mi piaci, sei tosta

    RispondiElimina
  3. Questo post mi ha lasciato senza parole.
    Vorrei avere un minimo della tua forza per dimenticare. Ma non riesco. Io a differenza di te sono ancora molto legato a ricordi, sensazioni e momenti che mai vorrò cancellare.
    Tutt'ora voglio continuare a crederci e sperare, proprio perché ha rappresentato e rappresenta per me, l'unica cosa per cui vale veramente la pena essere innamorati.


    Ti capisco benissimo quando ti riferisci al tuo Dio. Vale sempre comunque la pena sperare.
    Io nonostante tutto non smetterò mai di farlo. Certo sto riniziando a vivere la mia vita, ma la speranza rimane lì.

    Ritornando a noi, Sarah ha ragione hai grinta!
    Ti seguo sempre ;-)

    RispondiElimina
  4. Alas, poor Yorick ! I knew him, Horatio...9 dicembre 2012 23:57

    Would they come to breach you? Let you know you’re not the only one. You can’t keep hangin' on To all that’s dead and gone. If you built yourself a myth you'd know just what to give. Do you lie? Oh, let the ashes fly...

    (that's just what you're doing)

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...