Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Do androids dream of electric cigarettes?

Do androids dream of electric cigarettes?

Durante la mia Settimana dell'Inutilità Milanese - utilizzando qualche locuzione flavianese - ho deciso di dare una svolta alla mia esistenza e fare l'acquisto che dovrebbe cambiare i miei metodi d'assunzione di nicotina.
La temuta e antiestetica sigaretta elettronica.
Prima ancora che molti fedelissimi mi inizino a insultare, chiariamo il punto principale: sto male. Male non che muoio di tumore, ma male che nonostante fumi da due o tre anni ad auscultarli, i miei polmoni, sembrano quelli di una cinquantenne che se ne fa due pacchetti al giorno da almento tret'anni. Cose così. Sento la cristallina elasticità catramosa che ad ogni respiro asseconda maligna il movimento dei bronchi. A volte, di notte, sento fischi e sibili e rumori vari da locomotiva o battello a vapore.
Insomma, le possibilità erano poche. O smettere, o smettere.


Ma smettere di fumare quando il tuo rapporto con la sigaretta è di gran lunga migliore di quasiasi relazione umana tu abbia mai avuto è piuttosto complesso.
Io amo le sigarette e le sigarette amano me. Le sigarette mi sono sempre accanto, non mi lasciano mai sola, mi fanno sempre compagnia. Posso provare a smettere per qualche giorno, poi litigo con qualcuno o qualcuno mi abbandona o smette di amarmi, io mi trovo sola e senza un ragionevole motivo per sollevermi dal letto se non quello: arrivare al tabacchi e comprarmi un pacchetto di Davidoff Gold.

Quindi, ho fatto questa cosa vile, pessima e, in parte, anche ridicola: mi sono comprata la sigaretta elettronica. Ho passato due ore a stressare una disgraziatissima commessa in via Gonzaga per uscire, infine, con due flaconi a basso contenuto di nicotina e quest'alieno oggetto tubolare, nero e argento, dotato di un inquietante led azzurro dove, nella real thing, dovrebbe esserci la brace.

Sono allo stadio finale dell'evoluzione in androide.

7 commenti:

  1. Hahahaha io fumo da tanti anni quasi un pacchetto al giorno, l'uomo ancora di più. un mesetto fa l'uomo ha detto: "Adesso noi smettiamo." pluralis maiestais. Abbiamo comprato 2 sigarette elettroniche. Io dopo 24 ore sono scoppiata in lacrime e ho fumato una sigaretta. L'uomo anche, per solidarietà. Adesso abbiamo trovato un compromesso: si fuma le sigarette quelle classiche: dopo pranzo, dopo cena, col caffè, il resto del tempo si svapa. Si, Snob, ascolata ed impara: non si parla più di fumare, si dice svapare !
    ( Epilogo: sono in casa da 6 giorni con un mal di schiena infernale ... sto fumando come una turca. ) Martina
    BloggHer women's kaleidoscope

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono quarantott'ore che ci giochiccio e per adesso mi trovo "bene", o meglio: non mi viene voglia delle analogiche. Speriamo continui così.

      Elimina
  2. Dovrai mostrarti talmente snob da farla diventare una svolta glamour, così tutti i pecoroni (o electric sheeps) ti imiteranno e ne guadagneranno in salute.

    Gloria

    RispondiElimina
  3. Io invece a volte provo a darmi all'astemiANZA (tentativo di formazione lessicale malriuscito, hahahaha) per vedere se riesco a buttare giù tre kg senza dover mutilare le mie scorte alimentari, ma, non appena il sole tramonta su questa landa, ecco che estraggo una bottiglietta di wit dal frigo.

    Torno a fare la tesi (note a pié di pagina, fottetevi allegramente)

    RispondiElimina
  4. se ti facessi vedere le mie lastre di qualche anno fa, risparmieresti persino sulla ricarica di quell'aggeggio...un esilarante viaggio ai limiti dell'asfissia

    RispondiElimina
  5. dovresti provare le niquitin..servirebbero per smettere di fumare..io le uso come surrogato al fumo quando nn posso fumare..

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...