Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: If I was a flower growing wild and free, all I'd want is you to be my sweet honey bee.

If I was a flower growing wild and free, all I'd want is you to be my sweet honey bee.

Non potete negare io abbia una certa abilità nel dare ai post titoli che non c'entrano una beneamata minchia con il resto e che qualsiasi esperto di SEO mi boccerebbe nel giro di due secondi.


Una vita da bagaglio da cabina RyanAir.
Con gli stessi vestiti ho dovuto guidare un furgone, andare a feste, interviste, conferenze, sfilate, appuntamenti, cene, aperitivi, dormire in hotel dalle stelle indefinite - da zero a sette circa - e a volte anche nel divanoletto di qualcuno, nella camera degli ospiti di qualcun altro. Con i miei vestiti ho fatto: Siena Livorno Firenze Milano Livorno Firenze Milano Torino Milano Milano Milano Marche, poi chissà.
Il tutto, ripetiamo, in 55 cm x 40 cm x 20 cm. Due paia di scarpe incluse.
Il mio guardaroba è già ridotto all'essenziale, in poche parole ho una divisa composta da sei/sette pezzi in bianco e nero.
(A proposito: continuo a ricevere mail interessate alla maniera in cui mi vesto. Siete seriamente interessati alla maniera in cui mi vesto? No, non vi sto chiedendo se vi interessano i miei outfit post, Dio ce ne scampi e liberi, non avrete mai outfit post dalla sottoscritta. Perché non sono fotogenica e amen. Quello che voglio sapere è se effettivamente vi interessa sapere come si fa a vivere con pochi vestiti.)
Non sapendo dove altro levare volume ho iniziato a sottrarre anche dal beautycase.

Quando giri con poco più di un pezzo di sapone di Marsiglia nel beauty - ok, sto esagerando, scherzo - c'è da aguzzare l'ingegno e cavarsela con quello che la natura ti offre. Stile boy scout urbano.
E uno degli elementi/alimenti più facili da trovare in giro è lui.

Sì, esatto. Il miele.
Un tempo - tipo, dieci anni fa - se volevi prenderti un tè/caffè/cappuccino da qualche parte avevi due possibilità: o te lo prendevi nero, o ci mettevi lo zucchero bianco. Punto.
Lentamente i bar nostrani si sono abituati a venire incontro ai gusti più assurdi, quindi ora, anche nel bar di provincia più sfigato, troviamo minimo cinque/sei prodotti: zucchero bianco, zucchero di canna, fruttosio, aspartame e lui. Il miele.

[Ringraziamo il Westin di Milano che ci ha rifornito - ahem - a vita di minibarattoli di Miele Rigoni di Asiago.]

Ci sono diecimila motivi scientifici e chimici per cui il miele è il vettore dei tanti miracoli cosmetici qua sotto descritti, ma non ho voglia di scriverli quindi, ecco, prendete le mie parole per buone e non scassatemi le palle. Tanto, male non fa. Questo è quasi sicuro. A meno che non siate allergici al miele alle api alla pappa reale e a tutto l'universo apiculturistico. Insomma, come al solito non mi prendo responsabilità.

♥ Struccante: lo so che non ci credete, invece è così. L'ho letto qui, poi ho provato e wow. Il miele funziona benissimo come struccante. Anche per il mascara. Certo, se per voi "make-up" significa "quattro dita di stucco", allora forse il miele non fa al vostro caso. Ma se come me non esagerate, potete usarlo tranquillamente. Come? Inumidite il viso con un po' d'acqua calda e poi applicate un po' di miele (circa un cucchiaino o una delle classiche dosi in bustina da bar) con le dita, massaggiando ben bene per un tre-quattro minuti. Sciacquate. Che v'ho detto? Funziona.

♥ Maschera Viso: spalmate la dose standard per tutto il vostro bel faccino e tenetecelo per una mezz'oretta. Vedrete che fa bene un po' a tutte, dalla pelle grassa alla pelle secca. Se vi sentite creative e già siete nella modalità apro-la-credenza-e-mi-spalmo-la-roba-in-faccia-illudendomi-di-essere-in-una-SPA potete anche utilizzarlo aggiunto ad altro, ma per me così, puro, è già perfetto.

♥ Lip Gloss: se siete capaci di spalmarvi del miele sulle labbra e non leccarvelo via nel giro di mezzo minuto, potrete apprezzare le proprietà emollienti, umettanti e cicatrizzanti del miele anche qui. Pellicine e taglietti addio nel giro di due-tre applicazioni da mezz'oretta. SE resistete.

Scrub: Per questo abbiamo bisogno di affrontare la selvaggia natura urbana per trovare un altro ingrediente: lo zucchero. Con lo zucchero ed il miele rubati in un bar potete creare lo scrub definitivo, che va bene tanto per il viso e per le labbra quanto per il corpo al variare delle quantità.

Aspirina: Può anche essere utilizzato come ingrediente aggiuntivo, per le pelli più sensibili in particolare, a questa.

Certo, naturalmente potete portarvi dietro altri tre/quattro barattoli da 250 ml l'uno contenenti i prodotti di cui avete bisogno e che occuperanno interi metri quadrati nella vostra valigia. Oppure fare come me: portare l'indispensabile e poi, per le voglie in stile SPA, cavarsela rubando un paio di barattolini di miele alla colazione dell'hotel. Posto occupato in valigia zero e poi è tutto ecobio.
 


12 commenti:

  1. "Quello che voglio sapere è se effettivamente vi interessa sapere come si fa a vivere con pochi vestiti"
    sì mi interessa. Viaggio molto, con un bagaglio che non è minimo, ma è microbo, perchè quasi mai ho il lusso di poterci infilare solo roba mia o per me. Il risultato è che finisco per infilare in valigia sempre le solite cose e sentirmi sempre uguale. Il che contribuisce notevolmente ad alimentare le mie tendenze autolesioniste attuali... nemmeno io amo i colori.

    RispondiElimina
  2. No, non mi interessa ma d'altronde non avendotelo chiesto io è ragionevole.
    Continuo a suggerti cose che mi piacciono, che tedio. Voglio mettere al corrente delle cose persone che vogliono non esserne al corrente. Mannaggiaddio.

    http://www.youtube.com/watch?v=lhtkUS24lXY


    Prima o poi, qualcosa ti piacerà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero che non voglio esserne al corrente, eh. Scrivi e pubblica tutto quello che vuoi, io leggo e vedo tutto. Magari a volte, un po' per pigrizia, non commento, ma non c'è mail o commento che passi inosservato.

      Elimina
  3. Mi interessa moltissimo come si fa a viaggiare/vivere con pochi vestiti...e grazie delle informazioni sul miele, non ne sapevo mezza!

    RispondiElimina
  4. Sei grande. Proverò il miele.
    Io vorrei viaggiare con pochi vestiti, attendiamo le tue istruzioni.
    Grazie

    Audrey

    RispondiElimina
  5. Sì, lo vogliamo il post su come snellire l'armadio e vivere felici. Se possibile prima dell'estate, che l'estate è un casino.
    Piku

    RispondiElimina
  6. Voto a favore del corso rapido e (spero) indolore su come svuotare l'armadio e vivere felici con pochi vestiti!

    RispondiElimina
  7. Miele puro ingerito a cucchiaiate funziona da antibiotico. Il miele con lo zucchero per lo scrub l'ho usato parecchio, funziona.
    Io non ho il problema di avere troppo, é che vivo il disagio che quello che ho sia obsoleto.
    Nadia

    RispondiElimina
  8. Gommage corps au miel (era nella box dello scorso mese) http://www.mylittlebox.fr/beauty.html

    RispondiElimina
  9. vabbè sono innamorata... in pratica non devo nemmeno più andare a fare la spesa ;)
    Bel blog, appena scovato e...mi sono proprio divertita! P.

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...