Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Tre Azioni #2

Tre Azioni #2

#1 Andare a fare gli hippy al fiume

Il mare è mainstream.
Così ho deciso.
Nonostante non faccia parte di questa perversa nuova razza di donne che odia il caldo, l'estate, e le attività collegate al caldo e all'estate - poi vi lamentate che non vi si tromba nessuno. Fatevele un paio di domande - il fiume si adatta molto di più al mio stile di vita che non il mare - fosse anche per una sola ragione: stando a Siena, è molto più comodo arrivare a Brenna che fino a Castiglion della Pescaia. Poi, il mare mi ha sempre turbato e inquietato: anche nei periodi in cui, da bambina, facevo vela o windsurf, non mi sono mai sentita così al sicuro - tutt'altro. Calcolando poi che subito dopo la cavalletta l'animale che mi fa più terrore è lo squalo - il fatto che poi, alle Galapagos, mi sia ritrovata a nuotarci assieme non ha diminuito il terrore: mi trovo anzi a pensare OMMIODDIO come ho fatto a sopravvivere OMMMIODDDIO ma ero matta?!
Come dite? Ah, sì: sto divagando.
Insomma: il mare è mainstream. Dovete andare al fiume. Soprattutto voi, amati colleghi del centro Italia: recuperate torrenti e simili. Tutto quello di cui avete bisogno è un'auto, qualche amico che non si lasci spaventare dall'acqua gelida e sia disposto a levarsi le scarpe per guadare qualche punto e, naturalmente, un amico fotografo che immortali la vostra imbecillità silvana. Tipo, nel caso specifico, Kosmios.
(Spero che la foto della sottoscritta in versione Jesus Christ SuperStar che cammina sull'acqua con la giacca Zara non vi faccia pensare che questo sia un outift post.)

#2 Guardare the Black Cauldron, aka Taron e la Pentola Magica

A vedere La Sirenetta e compagnia bella siamo tutti buoni. Quelli che dovreste riscoprire sono i Classici Disney reietti, che non si fila più nessuno, quelli che la Disney stessa, se potesse, seppellirebbe sotto le monete dorate finte dei vari Pirati dei Caraibi sparsi per il mondo, destinandoli all'oblio. Quelli che però, nella loro maniera underground e nascosta, hanno influenzato le nostre menti infantili come non mai. Tra questi c'è the Black Cauldron, enorme e drammatico flop economico della Disney, cartone animato vittima di tanti di quei casini agli Studios che non si sa neanche come è riuscito a venire fuori. Il primo cartone animato Disney ad essere PG-rated - ovvero, adatto per bambini solo se accompagnati dai genitori. Il cartoon Disney meno disneyano di tutta la combriccola. Un fallimento al botteghino: non riuscirono neanche a rientrare delle spese di produzione, e tanta fu la vergogna che l'home video uscì soltanto tredici anni dopo la versione cinematografica. Nonostante questo, è stato tra i miei preferiti per tantissimo tempo - se appiccicavo uno sticker olografico a forma di stellina sul VHS, significava che era un Cartone Animato del Cuore, e andava visto minimo una volta a settimana. Minimo.
Comunque: se non lo avete visto, vedetelo. Se è da più di un anno che non lo vedete, vedetelo. Insomma vedetelo. (In HD e con tutti i crismi cinematografici del caso.)

#3 Fare il pane a casa

La mia - nota - incompetenza culinaria si sta sommando in maniera perversa con i miei desideri hippy e anticonsumistici di autoproduzione. Visto che, misteriosamente, lo yogurt homemade continua a riuscirmi, mi sto cimentando, nei pochi momenti liberi, nella panificazione.  Non so esattamente come mi sia venuta in mente questa cosa e non ricordo neanche in che occasione abbia comprato la farina o che, ma sono già alla mia quarta infornata e, che vi devo dire, dà soddisfazione. Non mi sento ancora capace di darvi alcun consiglio pratico definito, ho iniziato seguendo le indicazioni che ci sono sulle confezioni di questa farina per fare il pane nero del Molino Spadoni, e poi da lì, cerchicciando su Internet, mi sono un po' impratichita. L'unica cosa che mi viene da dirvi è: non utilizzate la macchina del pane. Non utilizzate l'impastatrice. Se vi interessa la panificazione come disciplina zen, dovrete fare tutto a mano. All'inizio semplicemente mischiare acqua, lievito e farina vi sembrerà Impastare per una buona ventina di minuti sulla tavola di legno, come si faceva una volta. Vi assicuro che manda via ogni tensione. E la soddisfazione di vedere il Kosmios - sì, sempre lui - che si scofana fette e fette di pane nero fa il resto. Per adesso non vi do istruzioni: quando sarò una panettiera decente, se vi interessa - da quel che mi dite vi interessa - vi spiegherò tutto ben benino.


29 commenti:

  1. Adorato film e libro (Il libro dei tre) di Taron dalla più tenera età. Chiara - machedavvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro io non l'ho mai letto, devo aggiornarmi.

      Elimina
  2. Ma no, ma no, ma uffa: noi vogliamo la ricetta dello Snob-pane (ma adesso la aspetteremo, certo che la aspetteremo).
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È quella che c'è dietro il paccone di farino Molino Spadoni, uguale uguale ;)

      Elimina
  3. Affermativo.
    Quel pane spacca i fottuti culi!

    RispondiElimina
  4. Boia mondo! Anche io ho fatto il pane a mano, una volta, nel giurassico, una decorosa pagnottina con tanto di taglietti per farci la tartaruga, ma, MA, se fosse caduta in testa a qualcuno...
    E comunque ho fatto una fatica bestiale ad impastare (non facevo ancora pesistica) per due giorni ho avuto le mie esili braccine fuoriuso.
    La giacca di Zara è tantobella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (La giacca ZARA è troppo colorosa.)

      Elimina
  5. Sei tu nelle foto? Sei mica tanto magra.
    Clà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero sono 53 chili per 170 centimetri: in poche parole al limite del sottopeso, e proprio per questo prendo un sacco d'integratori anche per farmi venire l'appetito. Però no: non son tonica per nulla, ho smesso di correre / fare palestra da parecchio e, nonostante voglia ricominciare, non riesco a trovare il tempo tra studio e lavoro.

      Elimina
    2. Perché, che lavoro fai?

      Elimina
    3. Devi avere un'idea malata di magrezza, se quella non ti sembra la figura di una persona esile.

      Elimina
  6. Averceli dei fiumi cosi'!
    (scusami la "i" accentatata in quel modo, sono la prima a darmi fastidio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Merse è meraviglioso. (E conta che quella è una zona sfigata.)

      Elimina
  7. Il pane in casa, gnam! Dopo varie pressioni da parte mia, io e mamma abbiamo provato a farlo ed è venuto decisamente squisiterrimo.

    Pao

    RispondiElimina
  8. Ma come sei bella!! Io non l'ho mai visto quel cartone! Come ho potuto?! Mi devo aggiornare che non posso stare indietro! Ripeto...il pane fatto in casa, con me che non mangio quasi mai pane, dura due minuti e le mie maniglie dell'amore se la ridono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella come un fiorellino di campo, guarda. <3

      Per il pane, se fai quello integrale il dramma maniglie è un po' appena facciamo finta arginato, no?

      Elimina
  9. Le foto mi piacciono moltissimo.

    RispondiElimina
  10. Carinissimo il tuo post!! ma sai ... io non sono mai stata al fiume ... Anche perchè qui, al tuo contrario è più difficile trovarne uno bello e limpido come quello in foto! A proposito carinissime le foto ^_^

    XoXo

    Mary

    New Post-> http://www.modidimoda-mapi.blogspot.it/2013/06/moda-show-2013.html

    RispondiElimina
  11. mai visto Taron e la Pentola Magica o.o mi inquietava anche solo il trailer nella mia videocassetta degli Aristogatti o.o

    Nadia from The Life In A Year

    RispondiElimina
  12. stavo tentando di immaginare la stessa cosa nel Seveso...

    Il pane fatto in casa e la pasta madre sono il cilicio dell'era moderna.


    (spin)

    RispondiElimina
  13. le prime 3 righe per me erano sufficienti per metterlo nei post preferiti

    RispondiElimina
  14. Azione numero uno: e come si fa a non pensare a quello che se la portò al fiume pensando che fosse ragazza eccetera, con l'amido della sua (di lei) sottana che suonava all'orecchio (di lui) come un pezzo di seta lacerato da dieci coltelli. Se non fosse che non è una sottana. Che non è nemmeno inamidata. E di conseguenza, che non suona affatto. Per non parlare del resto. Va bene, non c'entra un cazzo. Però il fiume c'è, e per stavolta ce lo facciamo bastare.

    RispondiElimina
  15. Non vorrei infrangere i tuoi sogni su Brenna ma io l'anno passato ho trovato un serpentello in acqua

    RispondiElimina
  16. Io è da anni che lo dico: fiume forever (nel mio caso, Tagliamento - in Friuli - a 5 min di macchina da casa).
    http://instagram.com/p/agIY8BAOUI/

    RispondiElimina
  17. all'inizio pensavo fosse una montata. ma poi te la vedo camminare sulle acque.........
    perdono! se ho avuto poca fede.


    :D
    M

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...