Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Tái sinh

Tái sinh

Che poi una parte piuttosto consistente di me, per quanto non dominante, sarebbe voluta per sempre restare in quell'utero-bara nero liquido e caldo, perché non v'ho detto che la pioggia iniziava a farmi sentir freddo e nell'affondo la sensazione è stata di stupore e di fluido amniotico, di nascita inversa piuttosto che di possibilità di morte.

E anche l'egoismo di un essere vivente - di un animale essere umano - che pensa solo a se stesso, che non ha più ossigeno e vuole averne altro era curiosamente confortante: esistevo solo io, esisteva solo il mio bisogno d'aria, e nessuno nella mia condizione sarebbe potuto essere meno egoista di me.
Finché ero sott'acqua avevo ogni diritto a volerne uscire, e questo mio diritto sembrava annullare ogni mio dovere e ogni altrui diritto, rendendomi, in quei sessanta secondi, libera come non ero mai stata.

8 commenti:

  1. pensa a quando finirà il petrolio e tutti vorranno calore per la casa, benzina per andare in giro, gas per cucinare...tutti diritti che annulleranno ogni proprio dovere e ogni altrui diritto.
    (spin)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa a quando verrà annullato il tuo diritto a scassarmi la minchia con commenti che non c'azzeccano un cazzo con quello che ho scritto, ovvero ORA <3

      Elimina
  2. pensa a quando finirà il petrolio e tutti vorranno calore per la casa, benzina per andare in giro, gas per cucinare...tutti diritti che annulleranno ogni proprio dovere e ogni altrui diritto.
    (spin)

    RispondiElimina
  3. Sei una persona inutile. Non ti dico quello che penso fino in fondo altrimenti si scatena la schiera di cagne(tte).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spiegami perché passi il tempo sul blog di una persona inutile, allora.

      Elimina
  4. Non è paradossale che il momento di massima libertà sia quando tutto è ridotto a una sola scelta (respirare o morire), rispetto alle migliaia di scelte prese ogni giorno? Ma immagino proprio per questo.

    @anonimo del petrolio
    Perchè tu credi che succederà da un giorno all'altro? ma anche no. Ci sono piani.
    Comunque non vale l'analogia, perchè quello successo a Snob richiedeva azione immediata, aveva priorità assoluta, i bisogni da mancanza energetica no (la libertà in questo ragionamento verrebbe dall'urgenza e immediatezza, caratteristiche che la penuria energetica possiede in misura molto minore ad un pericolo di morte!).

    RispondiElimina
  5. @federico mah... se lo dici tu... secondo me sarà guerra.

    @snob e ma quanto sei nervosa!

    RispondiElimina
  6. Ti seguo da tempo, silente. Ho letto del tuo incidente (accidenti!) e sono lieta che sei tornata qui a raccontarcelo in un modo così intenso e coinvolgente. Bentornata!

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...