Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Tre Azioni #3 - film più o meno inutili edition

Tre Azioni #3 - film più o meno inutili edition

Curiosamente, la videoteca della Qatar Airways, oltre ad un'innumerevole schiera di film arabi/indiani, era rifornita di assurda roba giapponese e classici americani.
Oltre i Goonies, i Gremlins, ed in poche parole tutta la filmografia di Spielberg, ecco le proposte di maggior successo mentre me ne stavo ranicchiata a non so quanti milametri di altitudine.
#1 Vedere Library War
A quanto pare questo film è tratto da una cosa giapponese chiamata light novel, che da quel che ho capito dovrebbe essere quello che il mondo occidentale chiama young adult novel, 'nsomma, stringendo, i romanzetti per liceali. A parte questa piccola digressione di stampo editoriale, diciamo che se volete passare due ore nel vedere qualcosa che si colloca al centro dell'ambiguo triangolo che ha ai suoi vertici gli shōjo manga, G.I. Jane e Fahrenheit 45 be', ecco: dovreste vedere Library War. Lasciate che vi delizi con il trailer, in lingua e senza sottotitoli: Library War Trailer. Vi sto passando un prodotto così terribilmente hipster e di nicchia che anche nell'eventualità vi facesse schifo non ve ne accorgereste, fidatevi.
#2 Vedere Carrie
Ho scoperto che qualche assassino ha già girato un remake di Carrie e che questo sarà nei nostri multiplex a partire da questo autunno - Snob! Ma è già autunno! Taci idiota, l'autunno inizia ufficialmente il 21 di Settembre. Fino ad allora per me sarà estate estate estate, chiaro?
Ora: pensano davvero di poter eguagliare la meravigliosa - è il film tratto dai libri di King che preferisco in maniera assoluta - opera di Brian De Palma? Nel dubbio, prima che vi troviate a vedere il remake, date un'occhiata all'originale, per favore: Carrie Trailer. La patina fine anni '70 e il lo-fi sono ovunque. Liceali americani, lezione di ginnastica, ballo della scuola, litri di sangue, decine di morti: amo.
#3 Vedere Jailhouse Rock
Ve l'ho mai detto che amo Elvis? No, perché magari v'è sfuggito. Io amo Elvis. La musica di Elvis è l'unica musica che io riesca ad apprezzare pienamente, a trecentossessanta gradi, senza dubbi o remore - cosa che non riesco a fare neanche con gli Alt-J, pensate voi. E la Qatar Airlines offriva questa fantastica manifestazione della protodecadenza occidentale, uno dei tanti film di Elvis che sono, in poche parole, dei luuuunghi video musicali con tanto tanto prologo e tanto tanto epilogo. Se non volete vedervi tutta la storia del giovane galeotto testacalda mentre combatte gli squali della discografia americana anni '50 e volete vedere solo il video, eccolo qua: Jailhouse Rock.

Comunicazione di servizio 
Da domani sarò ad Oliveto Citra, per la 29° edizione del Premio Sele d'Oro. Il motivo per cui lo staff di un Premio di un certo livello e di una certa serietà, arrivato alla ventinovesima edizione - che, diciamocelo, è parecchio - con un pedigree di tutto rispetto mi abbia invitato come ospite resta un mistero. Infatti sono ancora convinta che questa sia una grande candid camera e che, arrivata col FrecciaRossa a Salerno, non troverò nessuno ad aspettarmi. 
(Lettori di Salerno, se ci siete: iniziate a farvi sentire/vedere, che potrei aver bisogno di ospitalità per una notte.)
Comunque, da domani, from Campania With Love.

5 commenti:

  1. ELVIS è o non è SEMPRE la scelta giusta?
    Mi ricorda il giradischi, il mio nonno... e mia nonna che dice Cadillac a modo suo...

    Buona Manifestazione e Buon Divertimento!

    RispondiElimina
  2. Ma davvero vuoi che gli organizzatori non abbiano pensato ad un posto dove ospitarti? Conosci poco noi meridionali...
    By the way, io sono a Napoli, che ti viene lontanuccia ma se salendo vuoi farti un giro sappi - come si dice - mi casa es mi casa :-P
    à bientôt

    RispondiElimina
  3. Ma davvero vuoi che gli organizzatori non abbiano pensato ad un posto dove ospitarti? Conosci poco noi meridionali...
    By the way, io sono a Napoli, che ti viene lontanuccia ma se salendo vuoi farti un giro sappi - come si dice - mi casa es mi casa :-P
    à bientôt

    RispondiElimina
  4. La mamma di Carrie e le sue "sporchetette" è una delle figure più angoscianti mai concepite.

    RispondiElimina
  5. "Carrie" è uno delle migliori trasposizione dei libri di Steven King, per questo tremo all'idea del remake. Ci scommetto la mia scorta di cioccolatini fondenti che sarà un triste film per adolescenti.

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...