Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Stephen King's IT

Stephen King's IT

Sapete che ho una passione infinita per Stephen King, forse l'unico autore non rovinato dai cinque anni che ho passato a studiare Lettere. Gli ultimi tre quattro giorni di influenza, infatti, sono stati passati a farmi fuori la filmografia tratta dai libri di King - Hearts in Atlantis, the Dreamcatcher, Stand by Me, Carrie - e naturalmente, IT.
IT secondo me è sempre stato sottovalutato, sia come film ma ancora più come libro: tristemente relegato nello scaffale degli horror come tutti i libri di King, IT in particolare meriterebbe un posto migliore.
King parla dell'infanzia e della preadolescenza come pochi altri scrittori sono stati capaci di fare, forse solo Dickens e Golding: forse proprio perché sono zone sconosciute inesporabili e ormai indescrivibili per una percentuale quasi assoluta di adulti.
Nonostante il libro sia nettamente superiore al film - come al solito - fosse anche per quella capacità tutta Kinghiana di farti sentire parte del mondo di cui scrive - per me Derry è un luogo noto, dove ho passato tanti pomeriggi, dove ho lottato contro il male, ho conosciuto l'amore, ho conosciuto la paura - non si può negare che il film riesca a mantenere intatta un'atmosfera fragilissima. 
Se l'ultima volta che avete visto questo film eravate troppo piccoli per apprezzarne tutte le sfumature oltre a quelle del mero horror vi consiglio di scaricarvelo e rivedervelo.
Se poi passerete le seguenti tre settimane a guardare con inquietudine ogni scarico di lavandino, fogna, tombino che troverete sul vostro cammino sarete autorizzati a mandarmi affanculo per avervi convinto a rivederlo.

30 commenti:

  1. io stephen king lo trovo sempre un po' troppo prolisso, ti dirò.
    Quanto al libro, si più bello del film per quanto riguarda l'infanzia dei personaggi - ma'ha però fatto un po' effetto l'idea che per salvarsi dovessero tutti trombarsi la ragazza. Mah!
    (spin)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superficialotta come idea, non credi?

      Elimina
  2. Mi devo assolutamente rifare! :)

    Kiss ♥
    BecomingTrendy | Follow me on FB & Bloglovin'

    RispondiElimina
  3. ... difatti non mi convincerai ad avere mesi di incubi con King, non di nuovo.
    non sono molto cresciuta: ne prendo atto.

    RispondiElimina
  4. Traumi infantili.

    RispondiElimina
  5. Uh SK è il mio autore preferito <3

    RispondiElimina
  6. che blog carino! Ti seguirò con piacere ^^
    http://illibrochepulsa.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Quando ero piccola ho visto per pochi minuti il film e da lì è nato il mio terrore per i pagliacci, che da allora devono sempre mantenere una distanza di sicurezza di molti, moltissimi metri. Non oso immaginare cosa potrebbe succedere se vedessi il film per intero o peggio ancora leggessi il romanzo. No grazie, per il momento rinuncio a questa perla.
    :-D
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire che dopo la lettura del romanzo per una settimanella ho avuto problemi.

      Elimina
  8. La torre nera, la serie "fantasy" più strana mai letta, mi aveva preso molto. IT mi è piaciuto ma non mi è rimasto così tanto, forse perchè l'ho letto tardi. Poi ho letto altri cinque-sei romanzi di King, ma per quanto mi sia sempre piaciuto come stile, nessuno mi è rimasto nella memoria per lungo tempo (beh The Dome lo sto ripassando con la serie tv).
    Comunque non ho mai visto il film di IT, rimedierò!

    RispondiElimina
  9. Cerco il libro ovunque, ma non lo trovo!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davvero? In che mondo BARBARO viviamo mai?

      Elimina
  10. Il bello di Stephen è che riesce a portarti nel suo universo di personaggi ricorrenti, che poi finisci per fare tuo. It mi è piaciuto moltissimo, per come racconta - come hai detto anche tu - l'infanzia e la crescita personale, sviluppa i personaggi rendendoli fin troppo reali. Alla fine del libro resta quella saudade di un tempo che abbiamo perduto, con l'impressione di non averlo goduto davvero. Qualcuno nei commenti sopra citava la serie della Torre Nera, e te la consiglio anche io, Snob. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, per la Torre Nera sto cercando il tempo da anni, ma ultimamente poi alla lettura posso dedicarne pochissimo.

      Elimina
    2. Ciao Snob,

      ho letto parecchi libri di Stephen King e posso spergiurare che la Torre Nera vale il tempo che prende. Anche se sono sette libri e la storia comincia in maniera pigra, quasi con lentezza, il crescendo successivo ti cattura e alla fine non puoi fare a meno di leggere! I personaggi si evolvono sotto i tuoi occhi e ho trovato la storia di Eddie Dean semplicemente fantastica. Spero che tu riesca a trovare il tempo di cominciare, se ami il re non puoi perderti il suo capolavoro! :D

      Elimina
  11. IT è il mio preferito, credo. Finalmente qualcuno che lo capisce.

    RispondiElimina
  12. Quel film è stato l'incubo della mia infanzia.

    RispondiElimina
  13. Sei quasi riuscita a convincermi a vedere il film, e io sono una fifona (però It l'ho amato moltissimo, anche se poi sì, ho avuto problemi con gli scarichi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo IT sedersi sul water non è più la stessa cosa.

      Elimina
    2. Per non parlare di Dreamcatcher.

      Elimina
  14. Sai che non ho mai letto niente di King? Sono imperdonabile, ma rimedierò subito: ho appena comprato Misery. E, se ne esco viva, IT sarà il prossimo.
    Grazie, Snob: desideravo tanto un tuo post sui libri. <3
    Zoe

    RispondiElimina
  15. Io ho avuto l'incubo degli scarichi finché non ho rivisto il film in età adulta: che boiata il finale! Scusa, non so come sia nel libro, ma nel film è proprio una boiata!

    RispondiElimina
  16. Passo anche io.
    Da piccola mi regalarono un portagioie con le figure dei pagliacci e come pomello dei cassetti c'erano i loro nasi rossi: orribile!
    Per non parlare di quando regalarono ai miei, una orribile statua di legno con due pagliacci... poi ho visto IT e beh... prima che provocassi a loro un "casuale" incidente, era bruttissimo salire le scale e trovarmi sempre i loro stupidi sorrisini.
    Apprezzo King, ma preferisco evitare questo giro. XD

    Vivienne

    RispondiElimina
  17. IT è stato il primo romanzo di Stephen King che io abbia letto, avevo tipo 15 anni e il romanzo era appena uscito... il che rende l'idea di quanti anni io mi porti sul groppone. Ahem.
    Alla lettura di IT (finito in una settimana) seguì l'acquisto e la conseguente lettura compulsiva di tutti, ma dico tutti, i suoi romanzi precedenti, anche quelli prodotti sotto lo pseudonimo Richard Bachman, che, se possibile, ho trovato ancora più inquietanti.
    Comunque, il romanzo di mr. King che ho amato di più è stato The Stand, tradotto orribilmente in Italiano come L'Ombra dello Scorpione, letto prima in lingua originale e poi in Italiano durante la mia ultima estate da fancazzista, ovvero tra l'esame di maturità e l'immatricolazione all'università. Per un motivo o per un altro (forse l'estate trascorsa su una solitary beach, senza parlare con nessuno ed evitando come la peste i miei ex compagni di liceo?) quel romanzo e quell'atmosfera mi sono rimasti dentro.
    Scusa il pippone, io ero venuta qui in cerca del post sul videoproiettore, pensa te...

    RispondiElimina
  18. io ho amato molto questo libro. Ci ho messo un mese a leggermelo tutto, quando ero ancora adolescente, dopo aver visto il film (che stranamente non mi terrorizzò).

    RispondiElimina
  19. Hai visto la serie Under The Dome? La storia è abbastanza diversa dal romanzo da risultare piacevole. Se ami i fumetti, esiste anche la serie sulla torre nera... Così, tanto per dire

    RispondiElimina
  20. Hai visto la serie Under The Dome? È abbastanza diversa dal romanzo da risultare piacevole. Se ami i fumetti ti consiglio la serie sulla torre nera, almeno le prime tre. Così, tanto per dire.

    RispondiElimina
  21. Io sono rimasta veramente terrorizzata da quel film. Chissà se, come dici tu, era dovuto al fatto che ero troppo piccola per apprezzarne "tutte le sfumature oltre a quelle del mero horror". Dai, mi hai convinto: gli darò un'altra chance ora che ho 28 anni e sono più matura e razionale (prrrrrrr).
    Se poi passerò nuovamente attimi di terrore e finirò per menare a sangue il primo clown che mi passa a tiro, sappi che non mancherò di passare di qui per mandarti affanculo... con simpatia però ;)

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...