Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Mononoke Hime

Mononoke Hime

Sarà perché indubbiamente è uno dei film di Miyazaki più sconosciuti in Italia - parliamone, Miyazaki in Italia è arrivato con Spirited Away, prima giusto due o tre otaku sapevano chi fosse - e sapete che io devo fare quella alternativa a tutti i costi e fammi piacere a forza la roba meno nota. Oppure sarà per tutta quanta quella storia che mi affascina enormente - lo sapete bene - del feral child, il bambino abbandonato nei boschi e cresciuto dagli animali, spesso e volentieri dai lupi.
Sarà che è il più crudo, il meno adatto - a mio parere - ad un pubblico infantile,  e quello in cui i limiti tra bene e male dei personaggi sono ancora più confusi del solito.
Ma Mononoke Hime ha una grandezza che gli altri anime di Miyazaki, che pure aprezzo tantissimo, non hanno.





È un classico anime di Miyazaki, tutto attento al rapporto uomo-natura, all'ecologia e all'ambientalismo - ma, mi dispiace dirvelo, senza tutte le fantastiche e meravigliose e steampunkosissime macchine volanti che c'hanno deliziato in tante altre sue opere. Però in compenso abbiamo mandrie di cinghiali, divinità-lupi grossi come elefanti, una ragazza che è l'equivalente nipponico di Mogwli e lo Spirito della Foresta, 'sto coso che di giorno sembra un cervo con la faccia da essere umano e di notte diventa questo gigante gelatinoso e sonnambulo - insomma, un cast d'eccezione, signori miei.

A parte le cazzate, ripeto: è uno dei miei anime di Miyazaki preferiti.
Se non l'avete visto, scaricatelo subito.

15 commenti:

  1. "Princess Mononoke" è stato il primo film di Miyazaki che ho visto, e che me lo fatto conoscere. Mi ricorderò sempre che quel pomeriggio estivo, al cinema (un solo cinema, in tutta la città, lo proiettava e solamente nel primo pomeriggio), c'ero solo io e altre due amiche, che uscirono fuori delusissime perché si aspettavano un happy ending a tutto tondo. Io me ne sono innamorata, e tutt'ora è il mio preferito di Miyazaki

    RispondiElimina
  2. Io adoro i "silvani". Cosi' tutti neri e bianchi, ci starebbero bene stampati su di una tee, col loro faccino girato.

    RispondiElimina
  3. Io ce l'ho sul desktop in attesa da mesi, e dato che praticamente mi manca solo questo per finire la filmografia di Miyazaki e che il tema lupi senzienti e ragazzini selvaggi piace pure a me... Mi sa proprio che stasera me lo vedo!

    RispondiElimina
  4. Vabbè, ma allora lo si dica. Lo si dica, visto che qua piacciono i boschi, i ruscelli, le colline senesi, le Marche rurali, il bell'apologo di Miyazaki sul rapporto uomo-spirito-natura, magari si scopre che piace pure Tolkien (e magari in particolar modo quando gli Ent distruggono Isengard, e magari avendo inoltre apprezzato pure l'introduzione di Elemire Zolla all'edizione Rusconi). Lo si dica e si ammetta che segretamente questo è il diario di una Anarco-conservatrice, altro che storie. Il colto pubblico non potrebbe che apprezzare, vedrai (ma forse no).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo riscrivi in maniera che io possa capire di cosa si sta parlando? Parole povere ma proprio povere.

      Elimina
    2. Va bene, ma purtroppo ciò farà sgamare il fatto che le mie contorsioni sintattiche sono come le confezioni di certe pasticcerie fighe: quando compri un etto di qualcosa pagandolo uno sproposito ma sei tutto contento per il pacchettino coi fiocchetti, poi togli tutto e non è niente di che e lo odi per essersi fatto comprare. Insomma, stavo solo scherzando sul fatto che certi tuoi gusti mi sembrano molto congruenti con una tendenza di pensiero "anarcho-conservative", che poi è essa stessa un'etichetta un po' vasta, ma io naturalmente mi riferivo non alla linea anarco-capitalista, ma a quella che rifiuta il moderno, l'industrialismo, la massificazione, e con essi lo stato (oppressivo e pervasivo) che ne è struttura politica, per vagheggiare un ritorno all'equilibrato rapporto tra uomo, società e mondo naturale. Hai visto? È una cacchiata!

      Elimina
  5. Il primo anime di Miyazaki che abbia visto, lo affittavo in biblioteca e guardavo con mia sorella un 14 anni fa. Oggi preferisco Nausicaa, ma è stato comunque il mio primo film anime. A me piaceva, a mia sorella il cinghiale con la gelatina nera faceva paura XD.
    Un altro anime a sfondo ambientale (non per nulla realizzato anch'esso da Miyazaki) di quel periodo era "Conan, il ragazzo del futuro", splendido e toccante.

    RispondiElimina
  6. Anche se diverso dagli altri di Muyazaki l'ho amato moltissimo!

    RispondiElimina
  7. TANTO AMORE PER LA SNOB.

    RispondiElimina
  8. sai che mi interesserebbe molto vederlo? mi è parso di capire che sei una grande estimatrice del Maestro :D ne hai appena adottata un'altra!!

    RispondiElimina
  9. COLUI CHE CAMMINA NELLA NOTTE


    Io ho appena visto Si alza il vento, e ti giuro che li batte tutti, nonostante manchi quasi del tutto l'elemento fantastico/favolistico.

    RispondiElimina
  10. Com'è bello Mononoke Hime. IL più bello anche per me. Sottoscrivo ogni parola. (E come è bello anche Conan, citato in un commento).

    RispondiElimina
  11. Non l'ho mai visto… rimedierò ;)

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...