Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Tre Azioni #4

Tre Azioni #4

#1 Vedere i 75° Hunger Games

Devo ammettere che io e gli Hunger Games non abbiamo sempre avuto un buon rapporto. Di base, essendo stata per lunghissimo tempo una fanatica di libri fantasy e essendomi poi disintossicata quasi del tutto, ho grosse difficoltà ad avvicinarmi a qualsiasi cosa che lo sembri anche vagamente. Quindi ho prima ignorato completamente i libri, poi ignorato completamente il film e soltanto dopo parecchio l'ho scaricato in bassissima qualità e me lo sono visto più che per sbaglio che per altro. Devo dire che l'ho riguardato, in momenti di noia e nullafacenza, diverse volte, ma senza mai ammettere che mi fosse piaciuto.
Insomma, mi sono resa conto della mia passione per il primo film soltanto quando, visto il trailer del secondo, m'è scappato un dobbiamo assolutamente andarci. E, come ben sapete, nella mia ottica soltanto pochi film meritano il cinema avendo io stessa un quasi-cinema casalingo. Se voglio andare al cinema a vedere un film significa che per quel film ho veramente una cotta mostruosa. Come sia stato possibile non accorgersi fino adesso di questo amore nascosto non s'è capito, ma vi giuro che quando nel trailer si legge la frase the odds are never in our favor c'ho quel brividino che soltanto la roba che ti piace ti sa dare. Dopotutto, per adesso, non c'è un stato una storia fantascientifica ambientata in un futuro distopico che non sia riuscita, in qualche modo, a conquistarmi: perché the Hunger Games avrebbero dovuto essere da meno?
Sto cercando la forza e il tempo per comprare e leggere i libri - sono sicura che molte di voi si sono già lette tutta la saga: com'è? ne vale la pena? No spoiler, eh.
Tralasciando un attimo il cartaceo, il secondo film sembra avere tutte le carte in regola per essere spettacolare - tra cui una colonna sonora memorabile: pezzi preferiti, senza dubbio, sono We Remain di Christina Aguilera, Atlas dei Coldplay, Silhouettes dei Of Monsters And Men e Lorde - Lorde amore mio - che m'ha fatto questa fantastica cover di Everybody Wants to Rule the World dei Tears for Fears che in confronto Gary Jules con Mad World un nonnulla.
In più: lei è a mio parere veramente veramente veramente bella, ogni volta che vedo qualcuno che tira con l'arco mi prende la malinconia e mi ricorda di quando io tiravo con l'arco - questa ve l'ho mai raccontata? - e adoro come si vestono e conciano i capelli quei folli di Capitol City.
Appena esce vado a vederlo.


#2 Preparare e bere il Chai Tea Latte

Che spessissimo, per motivi di paresi orale, chiamo Tai Chi Latte facendo le mie classiche figure di merda. Comunque. Il Chai Tea Latte è una bevanda meravigliosamente neocoloniale che mi fa puntualmente sentire un personaggio che si colloca a metà tra un qualsiasi testo di Rudyard Kipling e il mitico film Disney La Piccola Principessa - no, se non avete visto La Piccola Principessa la vostra infanzia non è stata degna di essere vissuta. Poi da quel che ho sentito dalle ultime previsioni metereologiche siamo ufficialmente entrati nella stagione del tè a tutte le ore e a tutte le maniere.
Ci sono circa cinquanta metodi diversi per preparare il Chai Tea Latte, ma alla fine gli ingredienti sono quasi sempre gli stessi: tè nero forte, latte intero o - ancor meglio - latte condensato e il mix di spezie per il Chai Tea, che si trova anche a Siena da Tiger quindi posso dire ufficialmente che si trovi ovunque. Nell'eventualità non lo troviate, le spezie da unire sono cardamomo, pepe nero, cannella, zenzero e chiodi di garofano. Anche se, come al solito, si trovano quarantamila ricette diverse e ognuno ha una sua opinione in merito quindi, ecco, potete anche andare un po' a sentimento.
Come dicevamo, ci sono pareri discordanti sui vari tipi di preparazione: io condivido il mio metodo, senza assicurarvi che sia quello originale indiano o il migliore.
Mettete sul fuoco un pentolino con l'acqua - vi prego, per il tè non utilizzate quella del rubinetto: o quella imbottigliata o quella filtrata con la caraffa - insieme ad un cucchiaino del mix di spezie. Quando arriva a bollitura dovete aggiungere il té: se lo avete in foglia basta aggiungere un'altro cucchiaino all'acqua, attendere un tre-quattro minuti e poi filtrare il tutto nella tazza; mentre se avete le bustine mettetene una nella vostra mug, piazzateci sopra un colino e versate l'infuso di spezie ancora ben caldo. A questo punto alcuni vi diranno di aggiungere del latte - probabilmente, quelli che non vi avranno detto di non bollirlo assieme alle spezie. Per quel che mi riguarda, la scelta definitiva è utilizzare il latte condensato: massimo livello di cremosità del tè.


#3 Far tornare felice un vecchio mobile con la vernice lavagna

Perché la vernice lavagna porta felicità in ogni dove. Parlo soprattutto agli studenti universitari: se avete un mobile cucina particolarmente orribile e vecchio e anche il proprietario di casa è consapevole della sua bruttezza e vecchiezza proponete una ripitturata fai da te. Io avevo una delle cucine più brutte che essere umano avesse mai progettato, tutta in compensato ricoperta da laminato giallino sui pensili e finto marmo grigio sul piano lavoro. Ho passato sette anni della mia esistenza a chiedermi come fosse possibile scegliere un abbinamento così del cazzo. Dopo anni passata ad odiare quella cucina e a credere che l'unica soluzione fosse eliminarla e comprarne una nuova ho preso il coraggio a due mani e ho comprato lo scotch da murature, due barattoli di fondo all'acqua e due barattoli di vernice lavagna. E un rullo, naturalmente. Con due pomeriggi la cucina ha ripreso vita, e adesso è oggettivamente meravigliosa.
Davvero. È bellissima. Io credevo cre avrei fatto un casino assurdo, mentre invece è venuto un bel lavoretto: la vernice lavagna è a prova di imbecilli, fidatevi. Quindi, se avete qualcosa di brutto che gira per casa, o anche una parete triste e vuota - insomma, qualsiasi parte dell'abitazione che ha bisogno di un tocco di brio ha bisogno della vernice lavagna.
La cosa bella è che se lasciata così, senza scritte, sembra quasi una roba di gran classe, cn questo nero ardesia opaco e un po' granuloso. Poi se iniziate a scriverci sopra ecco che finite in terza elementare. Tutte e due sensazioni bellissime, e intercambiabili: con una mano di spugna umida la lavagna torna come nuova.

24 commenti:

  1. volli estremamente volli la VERNICE LAVAGNA!!!
    ma che cos'è?!
    una prodottino veramente da 11!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si trova - o almeno, io l'ho comprata - da Leroy-Merlin! <3

      Elimina
  2. May the odds be ever in your favor <3

    RispondiElimina
  3. Hunger Games è splendido! io ho letto i libri prima del film (che pure è fatto molto bene, quantomeno il primo... sto scalpitando per il secondo!) e li ho finiti in un soffio perché veramente travolgenti... Unico consiglio, se puoi leggili in originale: ci sono delle cose che tradotte fanno rabbrividire (gli AGHI INSEGUITORI del primo film, ad esempio... inascoltabile) .
    comunque leggili, non te ne pentirai! <3

    A*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente potrei prendermeli in originale. Se l'iPad non fosse affogato nel Mekong l'avrei già fatto :(

      Elimina
  4. La vernice lavagna è la scoperta della giornata o.o meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vernice lavagna è la svolta assoluta.

      Elimina
  5. Guarda che l'acqua di rubinetto in molti posti è decisamente migliore di quella della bottiglia o delle caraffe fuffa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dalle tue parti, ma dalle mie c'è una patina di calcare insopportabile. E di' quello che vuoi, ma le caraffe il calcare lo eliminano, altroché.

      Elimina
    2. Confermo. Inoltre, nella mia allegra acqua di rubinetto (aperta campagna, uno direbbe viva la purezza e invece sticazzi) vegetano nitrati e cloro in abbondanza, quindi lunga vita alle caraffe.

      Elimina
  6. I libri di hunger games sono orribili, ho letto la trilogia in tre giorni perchè la storia mi aveva preso ma lo stile e il vocabolario sono urticanti.Li ho letti proprio per poterli smerdare a dovere e a ragion veduta. Fidati lascia stare, continua con i film.
    Francesca

    RispondiElimina
  7. A Hunger Games non mi sono mai avvicinata per la mia mal celata idiosincrasia verso il genere fantasy. Poi, ormai un mese fa, ho fatto una toccata e fuga nella mia seconda casa (gli Stati Uniti) e 'sti beoni sembravano essere presi da una totale follia collettiva verso il film e i libri. Per cui, complice la persuasione di massa, ho nel carrello di Amazon i libri in lingua pronti per essere ordinati.

    Il Chai Tea Latte - imbevibile quello di Starbucks - è una delle meraviglie che questo mondo ha saputo darci. Approvo il latte condensato. Semper fidelis.

    E infine: vernice lavagna. Tu sei un piccolo genio del male!

    RispondiElimina
  8. Nooooo... Esiste una vernice lavagna??

    RispondiElimina
  9. I libri sono fantastici, la storia ti prende un sacco e li ho trovatti una boccata d'aria fresca nel panorama attuale del fantasy per adolescenti.
    C.

    RispondiElimina
  10. 1) io ho letto solo il primo libro.si carino ma niente di che. forse meglio i film? forse sono vecchia?ho apprezzato decisamente di più divergent (esce anche li il film)
    2) ma figata...ignoravo l'esistenza di questo the!
    3) grande sostenitrice della vernice lavagna, ne ho dipinto un intera parete (ho una bimba di 3 anni anche lei ha apprezzato) ma domanda: tu davvero riesci a pulirla con la spugna bagnata? sul muro io faccio un casino se ci do il bagnato! forse perchè il tuo è un mobile ma sulla parete è un delirio se si bagna;(

    RispondiElimina
  11. Io ho pensato per un anno che Hunger Game fosse una boiatella tipo tutti Twilight dopo il primo, ma poi l'altra sera l'ho visto e ho scoperto che è bello, che la trama è di quelle fantascientifiche che piace a me e non è tutta draghi e arcieri. Insomma, mi è piaciuto!
    La vernice lavagna salverà molte case!

    RispondiElimina
  12. I volumi della saga di hunger games sono carini e hanno--deograzia---una protagonista femminile cazzuta e non un aborto della società come bella swan, analstasia steele o emule della principessa Peach.
    La prosa non è una meraviglia ma se lo prendi in originale almeno fai esercizio.

    Il chai tea latte mi sembra una moda hipster e quindi mi ci oppongo con tutte le mie forze. Preferisco bere latte di mandorla, spezie e zenzero, unsweetened.

    RispondiElimina
  13. La vernice lavagna mi ha aperto un mondo nel quale potrò scrivere e disegnare ovunque.
    <3

    RispondiElimina
  14. Solitamente mi tengo lontana da qualsiasi cosa fantastica possa esistere. L'unica fanfasia che ammetto è: me, bella a 50 anni, ricca sfondata, che guido una vecchia mercedes cabriolet bianca.
    Per Chai Tea Latte darei fuoco a tutti questi Starbucks che spuntano ad ogni angolo della strada (entrambi gli angoli, se non è un cul de sac); hanno diffuso la moda di un caffè imbevibile, Dio solo lo sa cosa saranno in grado di fare col tea.
    La vernice nera io mi ci farei il bagno, ridisegnandomi la silhouette col gessetto bianco.
    Si puote?
    A proposito, ciao Snob ;), come stai? Sono contenta di leggere del tuo stage e dell'entusiasmo profuso. L'entusasmo è una bella cosa contaggiosa.

    RispondiElimina
  15. Concordo... Il chai tea latte non starà in effetti, diventando un filino troppo mainstream? Nulla è mainstream quanto il termine stesso... Metamainstream... Okay, no, niente, ciao.

    RispondiElimina
  16. domanda tecnica (perchè ignoro sia hunger games che il chai tea): per stendere la vernice sui mobili hai eliminato il laminato oppure hai steso direttamente sopra? serve un tutorial per incapaci come me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, è stato veramente facilissimo, non ho eliminato nulla: ho solo messo lo scotch di carta su tutti i bordi di ogni pensile - usa quello blu, si stacca/attacca con più precisione - e poi ho dato con il rullo due mani di fondo all'acqua lasciando asciugare tra l'una e l'alta e poi altre due mani - o forse tre, non ricordo - di vernice lavagna. Staccato lo scotch e rifinito con una spugnetta e un altro po' di vernice tutti gli spigoli - avendo usato uno scotch dimmerda erano venuti poco precisi - e finito. Mi ci sono volute 36 ore, credo, dopo due giorni la cucina era completamente agibile!

      Elimina
  17. per quanto riguarda "hunger games",il primo e il secondo libro sono fantastici, il terzo è una noia mortale che ho sul comodino da ormai un mese. sono davvero impaziente di vedere il film (e non so se hai visto jennifer lawrence col nuovo taglio ... divina).
    ps.questa cover dei tears for fears per me nun se po sentì.sono troppo attaccata all'originale :)

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...