Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Tre Azioni #6

Tre Azioni #6

#1 Vedere After Earth


Se non sapete cos'è After Earth, male. (O forse bene, c'è ancora da stabilirlo.) After Earth è un film fantascientifico con Will Smith ed il figlio - che io credevo fosse ancora il bambinetto di Alla Ricerca della Felicità mentre invece l'età ingrata della prepubescenza arriva anche se sei figlio di Will Smith, inutile. Questo After Earth, un mix mal riuscito - ma a me non sgradito, come pressoché qualsiasi cosa che è fantascienza - di rapporto padre-figlio e futuro distopico, s'è vinto ben tre Razzie Awards
Per quale motivo dovreste vederlo? Perché mi sono rotta i coglioni delle due linee di conversazione di questi Oscar: a) Povero Leo! Neanche quest'anno! b) La Grande Bellezza. Soprattutto la B mi sta creando panico. Non so più se la Grande Bellezza m'è piaciuta o no, non so se odio Sorrentino o no, non so se faccio male a dire che a me era piaciuto di più This Must Be the Place perché scusa Cosillo ma a Sean Pean glie spicci casa e io tutto 'sto grande amore per Roma non l'ho mai avuto quindi boh. Non capisco più se è felliniano o dannunziano o entrambi, non so più nulla.
Quindi, nel dubbio, mi guardo il figlio lievemente baffuto di Will Smith che combatte gli alieni. Contenti?


#2 Fare il Terzo Paradiso di Pistoletto


Se siete a Siena o nei pressi Martedì 11 alle 14:00 - ho scritto pure l'orario per bene, non avete scuse - dovete venire in Piazza del Campo a fare gli artisti collettivi con Michelangelo Pistoletto. Altrimenti verrete banditi con disonore dall'armata del Fedeli Lettori.
Per maggiori info vi rimando direttamente al favoloso sito di 2019SI, mentre per darvi un'idea di cosa sia il Terzo Paradiso vi lascio questo video.

#3 Fare lo yogurt


Dopo aver pubblicato su Instagram la foto del wannabe Philadelphia fatto in casa mi avete chiesto maggiori informazioni sulla sua produzione: partiamo dicendo che non si può fare il wannabe Philadelphia senza dello yogurt. Tanto yogurt. Così tanto yogurt che conviene che ve lo facciate a casa.

Per fare lo yogurt a casa ci sono dozzine di metodi interessanti, più o meno complessi. Di base funziona così. Servono: del latte preferibilmente intero, un po' di yogurt per dare il via al tutto, una temperatura che se ne stia in maniera stabile sui circa 40° centigradi per circa dodici ore. Si deve mischiare il latte - solitamente un litro - con lo yogurt - di solito uso un vasetto intero di quello fatto precedentemente, azione che solitamente io compio direttamente nel cartone del latte, di quelli col tappo, così da poter shakerare il tutto e far disciogliere uniformemente lo yogurt. Questo mix di latte e yogurt va poi, in una maniera o nell'altra, tenuto alla fatidica temperatura di 40° per circa dodici ore, così da permettere a tutti quegli interessanti lattobacilli di riprodursi. C'è chi dice di utilizzare il forno caldo ma spento, chi lo mette sul termosifone, chi ci dorme: insomma, un po' di tutto. Il mio consiglio, spassionato e assoluto, è: compratevi una yogurtiera. È una spesa minima - quella che ho io e che ha anche Poupette è della Girmi, la mia l'ho pagata tipo 14 euro in sconto - che se amate lo yogurt ammortizzerete nel giro di due settimane. Il modello della Girmi ha già sette vasetti inclusi, tutto quello che dovete fare è versarci il mix di latte e bacilli, mettere tutto nella yogurtiera, accenderla e aspettare 10-12 ore che il miracolo si compia. Quando non avete bisogno dei vasetti potete tranquillamente appoggiarci qualsiasi altro contenitore per produrre una litrata intera di yogurt. Insomma, mettetevi a caccia di una yogurtiera.


7 commenti:

  1. Anche io voglio fare il terzo paradiso! *.* uff ... :(

    RispondiElimina
  2. Mi hai proprio ispirata con questa storia della yogurtiera. Il mese prossimo esco di nuovo (e stavolta dovrebbe essere definitiva) da casa dei miei e me la compro per il nuovo appartamentino. Sembra facile e così la smetto anche di sentirmi in colpa per tutti quei vasetti di plastica che butto ogni settimana.
    Grazie Snob!

    RispondiElimina
  3. Povera Roma.. ma cosa ti avrà fatto poi?
    Commento di una lettrice romana rimasta un po' male..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi ha fatto nulla, solo non ne ho mai colto il fascino. :)

      Elimina
  4. After Earth è molto meh. Condivido i Razzie, mi spiace. Se vuoi un sci-fi sul genere brutto ma bello ti consiglio "The Colony". Ah il recentissimo Snowpiercer è carino, un pò folle alla coreana (la scena sul ponte è epica).
    La grande bellezza....sono assolutamente d'accordo con te Snob. Non ho idea se mi sia piaciuto o no. Una cosa che non mi capita spesso con i film.
    This must be a place mi è piaciuto di più anche perchè era di più facile comprensione, diciamo. Più diretto. Mi ha fatto piacere però che per celebrare l'oscar abbiano trasmesso il film in tv quando ancora si trova al cinema, una cosa rarissima!

    RispondiElimina
  5. Io After Earth l'ho visto e a me è piaciuto molto anche perchè io amo alla follia i film fantasy e quelli di fantascienza!

    www.agoprime.it

    RispondiElimina
  6. Presumo che anche lo Slow cooker possa essere chiamato a perorare la causa dello yogurt DIY. Il mio amatissimo slow cooker, Snob, hai letto il post dello slow cooker? Te ne innamorerai (dell'affare intendo, non del post). Io lo trovo un'invenzione geniale pari solo alla rinopastica, che comunque non avrei mai il coraggio di affrontare.
    This Must Be The Place credo che sia l'ultimo film che ho visto al cinema in Italia. Voglio ricordarmeli così i film al cinema in Italia. Bellissimi.

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...