Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Tre Libri #1

Tre Libri #1

Lo so, lo so: due! settimane! senza! un! post!
Sono vergognosa. 
Forse stavo aspettando qualcosa, non lo so.
Comunque, visto che molti Fedeli Lettori attraverso quel meraviglioso e bistrattato pseudosocial che è ask.fm mi hanno chiesto notizie sui libri che sto leggendo adesso che sono munita di Kindle Paperwhite ho deciso di aprire una nuova rubrica del Tre.


Tre Libri.

#1 MATILDE

Quando conosco una persona e voglio saperne di più, invece di interessarmi alle letture attuali chiedo sempre cosa leggeva durante l'infanzia. Perché dai libri che hai letto da piccolo si capiscono molte cose, oh, molte. Sarà che tutto quello che sono - nel bene e nel male - è più dovuto ai libri con cui ho passato elementari e medie piuttosto che dalle persone incontrate.  Ma quando, ecco, sento che qualcuno non ha mai letto - che ne so - Verne, subito decine di sentimenti contrastanti vengono a galla: da una parte Dio! Che infanzia tremenda, che bambino sfortunato, che terribili genitori! e dall'altra Cazzo che persona dimmerda che c'ho di fronte, leviamoci rapidi rapidi dai coglioni. 
Ecco, se non avete letto Roal Dahl avete avuto dei cattivi genitori e un'infanzia sfortunata.
E sì: siete anche delle deplorevoli personacce con cui mai vorrei avere a che fare, ma magari se leggete adesso Matilde qualcosina recuperate.

#2 DUNE

Come avevo già detto, a me Dune di David Lynch è garbato un botto. Ma di base perché mi garba garba garba la fantascienza, tanto i film quanto i libri. Uno dei grossi problemi dei libri di fantascienza è che i libri di fantascienza sono scritti veramente demmerda: sicuramente non rischi i sintomi da sindrome di Stendhal che certi pezzi di prosa ben scritta ti provocano, ma a volte la lettura va un po' a rilento perché non si capisce davvero che cazzo c'è scritto. Comunque: pianeti desertici e assolati, figure messianiche - adoro le figure messianiche e le religioni spaziali e tutte le cazzate di questo genere. Sono una di quelle a cui è piaciuto Prometheus, per farvi capire - tute distillanti, usanze inventate di popoli inventati che utilizzano termini inventati di cui non abbiamo alcuna spiegazione. 
MY. CUP. OF. TEA.
Poi sono convinta che la litania delle Bene Gesserit contro la paura funzioni veramente motivo per cui l'ho imparata a memoria e me la ripeto a rotazione nell'attesa della mia prova del gom jabbar.

#3 QUESTE OSCURE MATERIE

Ok, non parliamo di un libro ma di una trilogia. I tre libri più amati dei miei tre anni di medie. Visto che avevo comprato Matilda sul kindle store ed essendo Matilda edita da Salani ed essendo anche Queste Oscure Materie di Philip Pullman edite da Salani insomma, per finire: mi sono comparsi tra i suggerimenti di Amazon.
È stata un'esperienza mistica: stupida ingrata, mi ero scordata della loro esistenza. I tre libri su cui ho passato più tempo in un periodo particolarmente triste ed ingrato della mia vita ed io così, me ne scordo. Ti metti delle lenti a contatto, un paio di scarpe alte e vai, ti senti tutta donna e abbandoni così i compagni di un'infanzia. Nonostante le copie cartacee fossero ancora lì, sullo scaffale di una libreria marchigiana, non ho potuto aspettare di riaverli sottomano e li ho comprati in edizione e-book. Letti in tre giorni. Amore assoluto.
Non ricordavo un granché la storia - gli anni passano - e quindi è stato un piacere averci nuovo a che fare. Insomma, in generale è una roba assurda in cui lo scopo finale della quest è distruggere il regno dei cieli, ci destreggiamo in una decina di universi differenti, ci sono streghe, preti, esperimenti scientifici, teologia spicciola, fisica quantistica, orsi corazzati, peccati originali. C'è quell'infarinatura mistica/teologica in stile Neon Genesis Evangelion - però con tentenze più steampunk che cyberpunk/mecha - che a me garba un casino.
Leggetelo, leggetelo, leggetelo.

10 commenti:

  1. Non conoscevo il primo, del secondo ne avevo sentito parlare ma non l'ho mai letto; il terzo (che poi sono 3) e' stupendo, li ho letti anch'io in pochi giorni.

    Rilancio con le mie 3 recenti letture degne di nota:
    (1) Sarah Farizan, "If you could be mine"; racconto di due ragazze innamorate in Iran, dove l'omosessualita' e' un crimine;
    (2) Markus Zusak, "The book thief"; hanno fatto il film recentemente, l'avevo comunque letto prima: storia di una ragazza tedesca durante il 1939 in Germania;
    (3) William Golding, "Lord of flies", grande classico, di cui non ero a conoscenza fino a qualche tempo fa: dei bambini si ritrovano dispersi in un'isola e cercano di organizzare una sorta di societa'.

    Ovviamente ci sarebbero tanti altri grandi classici, ma ho cercato di trovare i migliori 3 tra le mie ultime letture :) sicuramente degli ultimi 2 esistono le traduzioni in italiano, del primo non so.

    Leggero' Dune e Matilda a breve, grazie per i consigli :)

    RispondiElimina
  2. Matilde e Pullman sono stati compagni della mia infanzia e adolescenza, che bei ricordi che mi hai fatto tornare alla mente quando ho visto le foto su Instagram. Adoro! Quando sarò sopravvissuta agli esami (sono quella che ti ha chiesto di latino su ask) vorrei rileggerli.
    Snob, dimmi che anche tu ti sentivi in colpa a leggere altro rispetto ai libri materia di esame :(.

    Sempre tanto amore, per te e questa nuova rubrica <3

    RispondiElimina
  3. Colpita e affondata: amo la fantascienza e l'ho sempre reputata una verità assoluta.
    Al momento sto rileggendo Solaris, per non parlare di tutti gli Urania che ho in casa che sì sono edizioni davvero orride ma ormai è diventata una sorta di feticismo (infatti molto spesso preferisco leggerli su reader, in barba alla fantomatica teoria sull'odore della carta che in questo caso sa di cantina).
    Ovviamente reputo Dune una bibbia e Herbert un messia...e ovviamente piango tutte le volte che leggo la litania. E' speciale, me la ripeto spesso e aiuta.
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. Cara Snob, che ricordi! I libri di Dahl mi hanno fatto tanta compagnia da piccola, penso di averli divorati tutti. Potevo leggere per ore in qualsiasi luogo, isolandomi completamente.

    La fantascienza invece è un genere che mi ha sempre intimorito, non so perché! Hai dei titoli da consigliarmi? Credo di aver letto solo qualcosa di Asimov e Philip Dick.

    Grazie mille e tanti cuori per questa rubrica
    Shirubia

    RispondiElimina
  5. Ragazza amante della fantascienza a rapporto!
    Mi hai fatto venir voglia di andarmi a rileggere Dune...

    RispondiElimina
  6. Dune, devo provarlo.
    Non ho mai letto nulla di fantascienza, a parte Piccole Donne Crescono, s'intenda...

    RispondiElimina
  7. La trilogia di Pullman è straordinaria (e sotto sotto sono contenta che non sia diventata un fenomeno di massa col film). Devo leggere (e rivedere) Dune.

    RispondiElimina
  8. oltre a scrivere ogni tanto vado a leggere anche i blog degli altri. Qualche volta mi dice bene altre volte mi dice male. Questa volta è andata bene! Blog interessante! Buon fine settimana lungo.Ciao!

    RispondiElimina
  9. Ah Snob, m'ero scordata, visto che fai il bagno col latte aggiungici anche l'avena. Non scherzo. Prendi una calza collant, infili l'avena e la usi come spugna.
    Ottima invece delle schifezze di saponi che ci sono in giro, altrimenti Holland&Barrett!

    RispondiElimina
  10. Quindi ti piace la fantascienza.
    Se non hai letto niente di David Brin, prova "Le maree di Kithrup"... magari ti piace.

    ^_^

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...