Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Ask.fm

Ask.fm

Stavo preparando un bellissimo post chiamato Metodo Snob per Lavarsi i Denti - giuro, lo stavo facendo! e avevo anche tantissime cose interessanti da dire! - quando poi sono iniziate ad arrivare le domande acide su ask e io ho iniziato a battagliare dal cellulare e, insomma, ho perso la voglia di scrivere quel post e così via.
Magari poi lo continuo.

Comunque, poi sono partita per Firenze e a Firenze ho preso il Frecciarossa per Milano E NON MI FUNZIONA LA WIFI, quindi tutti i miei buoni propositi - lavorare scrivere un post lavorare ancora - sono falliti miseramente.

Quindi - pensate quanto sono determinata - sto scrivendo dall'iPhone sulle Note. Poi copio e incollo e posto, quando arrivo a casa di Pou - speriamo prima di mezzanotte che qua abbiamo delle scadenze, eh, mica cazzate, questa cosa della #postchallenge mi sta prendendo.

Stavo pensando ad Ask.
Prima volevo parlare di quali sono i meccanismi che spingono qualcuno che non conosci ad attaccarti sulla base di una singola frase, di una singola opinione, dei sentimenti tremendi che portano una persona ad ignorare l'interezza di un'altra persona e a concentrarsi su una minuscola percentuale di essa, e a farla diventare il tutto, e a odiarla.
Poi ho cambiato idea.

Spesso la gente - soprattutto dopo che litigo con qualche anonimo e tiro fuori il peggio di me - mi chiede: ma che cazzo ci stai a fare, su Ask?

Domanda che mi infastidisce terribilmente, devo dirlo. Nel senso, ognuno c'ha i suoi vizi: chi siete voi per criticare i miei? Chi è senza peccato blah blah, no?

Comunque, cosa ci sto a fare su Ask

Allora, come avevo già detto mi garba tantissimo dimostrare la mia wittiness dando risposte brillanti ed ironiche a domande insinuanti o stupide. Che ci volete fare, sono una persona di una semplicità disarmante. Pensate, c'è gente che ha bisogno di rubare il marito ad un'amica per sentirsi realizzata, a me basta rispondere ad ask.

Poi adoro sentirmi utile, e saggia. MI ILLUDO con tutta me stessa che la gente che mi fa le domande serie sia veramente interessata alla risposta e che IO POSSA RISOLVERE UN LORO PROBLEMA.
Qui il giusto commento dovrebbe essere: Snob, va' a fare volontariato. Ti senti utile e magari combini qualcosa di buono invece di consigliare vibratori alla gente o dare consigli sulla vita sentimentale - tu! PROPRIO TU che non sei mai riuscita a tenerti un uomo! - Guarda che magari non lo voglio un uomo, eh - non mentire - poi, "tenerti", che brutta parola. If you love somebody set them free - te la stai raccontando: molto bene, ma te la stai raccontando - oh porca la puttana perché venite a cagare tutti il cazzo a me - sei infantile, per quale motivo non riesci ad accettare le critiche? 
OMMIODDIO.

Scusate, le personalità.

Dicevamo.
Questi sono i motivi ufficiali.
Ma a dire il vero quello che mi piace di ask.fm sono gli anonimi stronzi. Quelli che ti fanno domande cattive. Quelli che scavano, che vogliono sapere, quelli che hanno tenuto da parte gli indizi per poi colpirti dove fa male. E tirare fuori tutto il peggio di te.

Ask.fm ti spurga da tutta la merda che hai in corpo e che non vuoi ammettere. Le invidie le frustrazioni i piccoli traumi le vergogne - gli esseri umani riescono ad annusarle a chilometri di distanza e sanno come cacciartele fuori, sanno cosa ti fa male anche quando tu non lo sai.

Questo mi affascina, mi piace, lo adoro. Mi piace quando riesco a gestire la cosa perché mi rendo conto di avere così pochi segreti per me stessa, di conoscere la mia merda e di saperla buttar fuori. Mi piace quando scopro qualche angolino zozzo e nascosto, ancora di più - quando poi capisci come pulirlo, e ci riesci, sono soddisfazioni tremende.

M'hanno sempre insegnato a non dire bugie se non si ha una buona memoria, e che i segreti possono essere usati contro di te quindi è meglio non averne.
Ecco - con ask.fm faccio qualcosa del genere.

Non l'avevate mai visto come uno strumento di catarsi, vero?

11 commenti:

  1. Confesso che è geniale!!!! La mia catarsi è stata decisamente più costosa, però ha funzionato; solo dio lo sa, quanto scema ti senti nel momento in cui gliele racconti, così scema che, cazzocazzo, ti passa tutto in due secondi ;)

    RispondiElimina
  2. Anche il blog è catartico? racconti cose imbarazzanti anche qui! Consigli vibratori alla gente! XD

    Brainstorming: un post di monologo interiore sulla Personalità partendo da un Evento Traumatico (per te, almeno)....pensa quanta catarsi!

    RispondiElimina
  3. Probabilmente la catarsi è anche di chi ti scrive acidità (gratuite)

    <3

    RispondiElimina
  4. Snobbina e il post di ieri dov'e? Non puoi dire "un post al giorno" e poi mi lasci senza,proprio la Domenica mattina. Tanto amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sabato sera Milanese vi ha rubato il post, prendetevela con lui.

      Elimina
  5. Il post sui denti, ti prego.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti prego sì o ti prego no?

      Elimina
    2. Ti prego sì.
      (Io sono un altro anonimo.)

      Elimina
    3. Mille volte sì.

      Elimina
    4. Don't worry, arriverà pure quello <3

      Elimina
  6. Per lavare bene i denti conta fino a centoventi!
    L

    RispondiElimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...