Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: LIVORE

LIVORE

Che comunque non è la parola che esprime degnamente tutte le sfumature di negatività dei miei attuali sentimenti ma, diciamo, ci si avvicina.

Posso dire con una buona dose di certezza che sono nel periodo di disagio più profondo degli ultimi mesi - forse anche dell'ultimo anno, dai. 

Snob, madonna. Che scassaminchia che sei. Ti sei fatta una vacanza fighissima in Marocco e tutto quello che sai fare è lamentarti? Amor mio, tu non sai cosa significa il vero patimento - ci sono operai cassaintegrati e casalinghe e studenti che a differenza tua non hanno genitori foraggianti che farebbero carte false per stare al posto tuo - ti ci vorrebbe un po' di vita vera, vai a lavorare in fabbrica qualche mese poi vedrai la depressione.

(Ho fatto il commento moralistapopulistasensibilitàzero in maniera preventiva, così non sentite il bisogno di farlo voi.)

Lo so, lo so. In Marocco sono stata benissimo, eh. Una favola. Non un pensiero. Solo che appena siamo atterrati a Milano, sbadabàm! tutte le ansie mi sono ricomparse di botto. Insomma, non è che se spegni l'iPhone che sta all'11% di batteria per una settimana quando poi lo riaccendi - magia! - s'è ricaricato. Anzi, ci sono buone possibilità che sia arrivato al 9%. L'unico desiderio, di nuovo, è quello di nascondermi da qualche parte e aspettare. Tipo i mammiferi piccoli e stupidi e inutili - me li immagino come delle nutrie macilente e grigiastre - che se ne sono stati infrattati finché un meteorite non s'è abbattuto sullo Yucatàn e non ha ammazzato tutti i dinosauri. E a quel punto son venuti fuori per vedere che fare.
Ecco, in questo momento mi sento così: una nutria grigiastra e macilenta. Non un bello spettacolo, assolutamente.



Vorrei poter dare la colpa a qualcosa o a qualcuno in particolare, ma è impossibile: mi sento una fallita sotto ogni punto di vista. Umano, fisico, artistico, lavorativo, sentimentale. 
A volte credo che le cose, alla fine, non mi vadano poi così male, ma mi deprimo pensando che non è per merito mio ma soltanto per culo, per una situazione familiare - ed economica - felice. A volte credo che tutto vada dimmerda, e mi deprimo pensando sia colpa mia, delle mie scelte sbagliate, della mia mancanza di talento, della mia paura, della mia incapacità di mettermi in gioco.

Ci sono poche vite che non scambierei con la mia, ora come ora.

(Necessario disclaimer: prometto che questo è l'ultimo post pesante. Il prossimo parlo o degli #SNOBSWEATER o del #SNOBOMAROCCO giveaway, promesso.)

39 commenti:

  1. non commento il momento di livore, perché sarebbe una cosa che lasciailtempochetrova.
    mi limito lasciarti a due spunti, con cui baloccarti - se vorrai - in attesa che cambi il vento.

    - hai mai fatto il test MBTI? se no, ti consiglio quello sul sito di quistic, è una buona versione. se si, che profilo hai?
    - tra i vari telefilm, hai mai guardato the good wife?

    elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quel che riguarda l'MBTI, ondeggio tra gli INFP e gli INTP - ho fatto diversi test dopo che qualcuno me ne aveva parlato su Ask. Non capisco bene, però, cosa questo voglia significare. Cioè, in poche parole non si sa se la mia funzione dominante sia il Pensiero Introverso o il Sentimento Introverso. Consigli?

      Elimina
    2. Te ne avevo parlato io su ask <3

      Elimina
  2. Secondo me - e d'accordo, potrai rispondermi che non ti conosco, ed è vero - è il pensare troppo che mette angoscia. La vita va avanti comunque, come deve andare, non ci sono pensieri che cambieranno la situazione. A rimanere fermo a pensare ai "se" e ai "ma" o ai fallimenti non risolvi nulla. Prima o poi ti smuoverai e cambierà questo tuo pensiero negativo. Dopo questa botta di saggezza zen ti saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, sono assolutamente d'accordo.
      Cerco di ripetermi massime zen del tipo "se c'è soluzione perché ti preoccupi? se non c'è soluzione perché ti preoccupi?" continuamente, ho provato diecimila diverse forme di training autogeno - un periodo volevo provare l'MT, adesso ci sto sotto con lo yoga - ma non posso fare a meno di essere angosciata, arrabbiata, in ansia.

      Quello che mi fa incazzare è che la primavera scorsa mi sembrava di aver trovato - in un certo senso - pace, mentre invece eccomi da capo.

      Elimina
  3. A parte il fatto che vorrei solo abbracciarti e dirti "sorella", per come ti capisco, e per come mi sembra di rivedermi in ogni tua parola, TANTO AMORE per l'immagine-citazione. Tantissimo amore.
    Mavie

    RispondiElimina
  4. (E in ogni caso ci dev'essere qualcosa nella dimensione spazio-temporale dei voli di ritorno che fa sì che prima del decollo si stia in modo accettabile, nel momento dell'atterraggio tornino tutti i sentimenti negativi, l'angoscia per prima. Mavie)

    RispondiElimina
  5. Bof... continua a viaggiare. Vieni a Napoli

    RispondiElimina
  6. Bof... continua a viaggiare. Vieni a Napoli

    RispondiElimina
  7. Fai che io questa cosa che descrivi ho cercato di eliminarla comportandomi come fossi sempre in guerra. Reattività, prontezza, disciplina, obiettivi chiari. Apocalisse zombie perenne in pratica.

    RispondiElimina
  8. ...non ti fermare...
    ...non ti arrendere...

    RispondiElimina
  9. Ti seguo da un po' sui vari social e mi sembra di conoscerti in qualche modo (una notte ho anche sognato che ci incontravamo e prendevamo un caffè insieme!). Se c'è una cosa che sento di dirti è che tu, cara Snob, non manchi affatto di talento. Non posso vantare molte cose positive nella mia vita, ma credimi, quelle poche che ho le darei volentieri via in cambio della maestria che dimostri di avere con le parole. Sei brillante ed intelligente come poche. Non demoralizzarti.

    RispondiElimina
  10. Cara Viola,
    non posso che sottoscrivere questo post! Potrei quasi averlo scritto io: stesse sensazioni, stesse paranoie mentali che bazzicano nel mio cervellino che si arrovella su quanto mi vada tutto male, su quanto faccia schifo la mia vita, deprimendomi sempre un po' e poi con picchi variabili. Con auto-commenti-moralistipopulistisensibilitàzero inclusi pure, io niente vacanza fica ma poi so che ci sono persone, alcune anche a me molto vicine, che hanno problemi molto ma molto più impellenti e gravi dei miei e mi dico allora di starmene zitta, che a me alla fine non va così male. Circa.
    "A volte credo che tutto vada dimmerda, e mi deprimo pensando sia colpa mia, delle mie scelte sbagliate, della mia mancanza di talento, della mia paura, della mia incapacità di mettermi in gioco.": a queste tue riflessioni che sento molto mie aggiungo quella che è da un paio di giorni il pensiero top del momento: 'se solo avessi/avessi avuto un po' più di ambizione, la sana ambizione di voler fare bene/eccellere in qualcosa che mi piace e di non vergognarmene se sono più brava degli altri, chissà come sarei ora'.
    La metafora sull'iPhone rende davvero alla grande la frustrazione.


    un abbraccio,
    Chiara

    RispondiElimina
  11. Mai pensato ad un percorso di psicanalisi freudiana ben fatta?
    Non terapie brevi comportamentiste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. freudiana? perchè allora non provare ad estrarle la milza (''spleen'') per vedere se è lì che si annida il suo malessere? Consigliare un tipo di psicanalisi così superato e malfunzionante è da incoscienti.

      Elimina
  12. Beh effettivamente non hai tutti i torti. Vediamo gli aspetti: Umano, direi che ti paragonerei ad una nazi acida senza il minimo calore nel cuore ed incapace di provare sentimenti veri ed autentici verso le altre persone che non siano mentalmente quadrate come te. Artistico: che hai fatto di cosí significativo che rimanga ai posteri? Lavorativo: nada de nada visto che alla tua etá ti fai ancora mantenere dai tuoi poiché non sei in grado di farlo da sola. Sentimentale: oddio, una che odia il pianeta e si crede al di sopra di tutto e di tutti potrá mai instaurare un rapporto di verá intimitá con qualcuno? Fisico: qua ti salvi.
    Cuor di leone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu di me non hai capito proprio un cazzo.

      Elimina
    2. ahhhhhhhhhhhhhhhh

      Elimina
    3. Oddio pure con il fisico non è che siam messi bene bene eh.
      Posso comprendere la tua depressione "snob", però guarda il lato positivo puoi continuare a puntare sui soldi dei tuoi genitori, a nasconderti dietro alle apparenze e a scrivere un bel niente qui sul blog... suvvia stai tranquilla la metà della popolazione mondiale fa la stessa cosa.
      E comunque anonimo i nazisti avevano un loro perchè, doloroso e triste che sia, qui siamo nel nulla, in momenti di vita mediocri in un periodo mediocre.

      Elimina
    4. moderare commenti. non prestare fianco a pezzi di m. annina

      Elimina
  13. I voli di ritorno sono un buco cosmico.

    RispondiElimina
  14. Sono uscita allo scoperto per il giveaway, commento anche qui perchè questo post merita molto di più.
    Suggerimenti non ne ho, ma tanta vicinanza e solidarietà. Sono di un'età diversa, con problemi diversi, ma vivo il tuo stesso disagio e molte delle cose che hai scritto potrebbero bene descrivere i miei ultimi mesi. Servirà anche poco dirlo, ma non sei sola, non sentirti sola.

    RispondiElimina
  15. Magari ti sarà un po' di conforto sapere che David Lynch e Mark Frost hanno annunciato che nel 2016 arriveranno dei nuovi episodi di “Twin Peaks“.

    Sz

    RispondiElimina
  16. Non so se può farti star meglio, ma ei: momenti così capitano a tutti, anche a chi (magari ai tuoi occhi) è affermato nel lavoro, nell'amore e nella vita in generale. La vita è così, ed oscilla fra alti e bassi. Io non ti conosco, non so la tua storia, non so nulla di te. Ma so che sai scrivere bene (per esempio), che (almeno per me) con quelle magliette hai avuto un'idea geniale. Che sei ironica, realista, vera. E magari tutto questo ti farà sentire meglio, sapere che qualcuno (che credo sarà molto più di quel che pensi tu) ti apprezza per il tuo essere così. Ognuno di noi vale, ha qualcosa da dire e da dare. E tu sei una di queste persone.
    Ti abbraccio
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
  17. Cuor di leone per poi nascondersi dietro l'anonimato..detto tutto...
    Comunque Snob leggo quello che scrivi e mi ci rivedo molto. Purtroppo soprattutto noi donne viviamo di seghe mentali. Ci basterebbe alzarci e combattere ma preferiamo nasconderci e pensar che tutto vada male. Io francamente la soluzione non l'ho ancora trovata, spesso preferisco non pensare, anche se è difficile.
    LaFede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh ma che risposta banale eh.
      Mi pare che snob sia ben lontana dai problemi da donnetta che si fa le pare inutili cui ti riferisci tu.

      Deve essersi allargata molto la fascia di pubblico di questo blog dal tenore dei commenti.

      Elimina
  18. Da che ho memoria vivo quelli che io chiamo il "complesso della sn

    RispondiElimina
  19. Da che ho memoria vivo quello che io chiamo il "complesso della senza-talento". Il voler eccellere in qualcosa ma non avere le capacità per farlo e nemmeno la costanza. Il voler tutto "facile" come i veri talenti che non si applicano per imparare ma per migliorare.
    Ogni tanto scendo a patti con me stessa e accetto la mia normalità, e mi sento bene, altri guardo ai miei 31 anni senza un lavoro fisso e vedo solo il "nulla", l'assenza di prospettive, l'incapacità, una vita che è a metà. Allora mi angoscio e ho paura e non riesco a nascondermi.
    Non ho una soluzione univoca. La trovo di volta in volta e passo di albero in albero come un koala aggrappandomi forte e mi dico che forse è così che deve andare.

    RispondiElimina
  20. eh cribbio che grana! dai, snobbina, ripiate! sono certa che il 90% dei tuoi pensieri brutti sono tutte paranoie e il restante 10%, con un po' di verve ottimista, lo si può tranquillamente ignorare (le quantificazioni derivano da esperienze personali ;) ) ti leggo da tanto e hai tantissime qualità, ma tante tante. hai culo perchè la tua famiglia può sostenerti? si, molto probabilmente è così e quindi ringrazia il cielo e quando ti è possibile pensa agli altri. scusa, eh, ma ti vorrei ancora in prima fila ad eseguire le coreografie. ciao annina

    RispondiElimina
  21. Dovresti vivere più semplicemente, forse ti sentiresti più in pace con te stessa. Da quello che traspare da qui e instagram sei abbastanza viziata e spendacciona, quindi hanno ragione a dire che vivi pesando sui tuoi. Trovati un secondo lavoretto e risparmia. Consiglio duro e diretto, ma sincero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu mi sa che non hai seguito molti discorsi già fatti in questo ambito.

      Elimina
    2. Sì, ho seguito. La mia impressione è questa, la svolta minimalista non mi sembra sia stata efficace.

      Elimina
    3. A dire il vero non sento il bisogno di più soldi né di un secondo lavoro, sono soddisfatta del mio livello di entrate/uscite, che ormai non gravano sui miei genitori da diversi mesi. Però se la pensi così ok.

      Elimina
  22. Vabbe' Snob, qui neghiamo l'evidenza, hai un certo tenore di vita e facendo la stratega dei media sociali da non molto dubito che guadagni granché. Uno con il lavoro precario non si compra l'iphone 6, per dire. Ma intanto non ti si può criticare mai, hai sempre ragione! Contenta tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se ti ho detto che sei libero di pensarla come vuoi. Io non ho un iPhone 6, ho la fortuna di avere una casa di proprietà quindi di non dover pagare l'affitto, la fortuna di aver avuto coinquiline per diversi anni in cui ho messo da parte qualche soldo, la fortunata d'aver vinto una borsa di studio che mi ha portato un certo airbag economico e un mio personale sistema di controllo delle entrate e delle uscite che ha sempre funzionato.

      Elimina
  23. Nata benestante, come dici tu, mi sfuggiva la casa di proprietà. La borsa di studio è inspiegabile, dovrebbero darla a chi necessita. Che dire, beata te allora, molti altri non sono nella tua condizione di partenza ultra-avvantaggiata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una borsa di studio finanziata da privati che non si basava sul reddito ma sul merito, non una borsa di studio statale.

      Elimina

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...