Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: Lo so che il caschetto nero è banale, ma forse ho bisogno di un po' di banalità.

Lo so che il caschetto nero è banale, ma forse ho bisogno di un po' di banalità.

Il temuto momento è arrivato.
Dopo più di due anni mi sono stanchicchiata dei capelli verdi e mi sono fatta buttare sopra dalla mia parrucchiera locale un barattolo di tinta castana scura.
Il primo giorno lacrime. Lacrime amare.  Avevo ucciso il mio minipony interiore. Perso l'innocenza. Ridotta a un essere castano e banale. Io. Io che ero verde di capelli.
Nessuno si volterà più a guardarmi per strada.
La figlia di una mia amica non mi guarderà più con i lucciconi agli occhi dicendo alla madre "Mamma, zia Marta è una Winx".
Mai più. Mai più.
(Questa era un'inconsapevole citazione di Edgar Alla Poe.)
Passato qualche giorno, però, ho iniziato a prenderci mano, e adesso come adesso devo dire che mi ci ritrovo anche, quasi, circa.
La me fatata se n'è andata per lasciare spazio a una me incazzosa un po' Lisbeth Salander un po' Jessica Hyde - ho anche il doppio taglio! - quindi vabbè, sono periodi della vita, è giusto così.

Marta Zura-Puntaroni


Potete utilizzare i commenti qua sotto per piangere assieme a me i capelli verdi, dare un tiepido benvenuto al caschetto castano o narrare le vostre avventure tricologiche degli ultimi tempi.


Nessun commento:

Posta un commento

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...