Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: TRE AZIONI #11

TRE AZIONI #11

#1 ENTRARE DENTRO AL NUOVO COSTUME CON SLIM ME

Ok ok ok.
Snob, direte voi, perché ci parli soltanto ora di SLIM ME? La Cinica l'ha tirato fuori da meeeesi!
No, non sono arrivata tardi alla festa drenante della Cinica - anzi, sono stata una delle prime a ricevere il prodotto prima che fosse commercializzato per testarlo - la Cinica può dire con fierezza che i suoi cosmetici non sono testati sugli animali, ma sulle blogger.
Stavamo dicendo.
Ah sì - Zaful mi ha mandato varia robina, tra cui quel meraviglioso! costume! con! teschi! di! vacche! - sono vacche? Boh. - comunque, quando l'ho ricevuto ero una persona felicissima, per poi scoprire tristemente che la M Zaful non è esattamente la mia misura. Insomma, mi tira un po' sulla chiappa.
Motivo per cui andata a Milano - ragazze, adoro andare a cena pranzo colazione quando sono a Milano, grazie a tutte quelle che mi hanno portato a spasso - sono passata dalla Cinica a piangere le mie cosce grasse ecc. ecc. e a reclamare un pacco di SLIM ME.
Ora, avrete già sentito parlarne a oltranza, quindi non insisto sulle nozioni pratiche ma vi racconto soltanto la mia avventura: l'altroieri, terrorizzata dalla mia visita dal dietologo, ho pensato bene di impacchettarmi in SLIM ME nelle due ore precedenti all'incontro.
Misurandomi le coscione il dietologo è rimasto stupito: nonostante fossi ingrassata rispetto la visita precedente - Programmatore: so che stai leggendo: è colpa tua che a Milano non mi tieni a bada e mi lasci ingurgitare le peggio schifezze - ma - ta-dan! - ero calata di più di un centimetro ad ogni misurazione!
Avete letto bene: ingrassata, ma con minor circonferenza ovunque. Non ditemi che magari è tutta massa magra perché mi ha messo i sensorini addosso e niente, la massa grassa sta sempre lì e la massa cellulare - che dovrebbe essere quella magra, credo - era anzi diminuita.
Insomma: è vero che SLIM ME ti drrrrrrena. Verissimo.

#2 GUARDARE GRAV3YARDGIRL CHE FA COSE

Allora: io odio le youtuber. Tutte, senza limiti. Mi mettono ansia. Mi sembrano delle egoriferite vanesie del cazzo. (Potrei iniziare a parlare qui della mia personale crociata nei confronti delle book vlogger, ma evito.) L'unica che sopporto, anzi mi piace, anzi adoro è lei. Bunny. Completamente folle. È folle. Non so come altro commentare la cosa. I suoi video sono una droga, posso guardarla mentre vaneggia di fronte alla telecamera e parla in maniera completamente schizzata di non-so-nemmeno-io-cosa per ore. Se non la conoscete, andatela a guardare.

#3 TORNARE NEL MONDO FATATO DEI CAPELLI COLORATI

Allora: per numerosi mesi sono stata una donna triste e castana.
Ho provato, ve lo giuro, ho provato.
Mi sono fatta tanti discorsi motivazionali sull'essere adulta e cose del genere. Ma niente, non ce l'ho fatta: la me interna ha sempre avuto i capelli colorati, e che la me esterna non riflettesse la me esterna, be', era veramente deprimente.
Alla fine ho preso il coraggio a due mani, ho sopportato le lacrime di mia madre - no: a quasi ventotto - madonna VENTOTTO - anni - ma secondo voi questa cosa degli incisi a volte mi sfugge di mano? - dicevo, sono andata da RAINBOW HAIR e sono tornata un minipony.
And I'm proud about it.
Purtroppo non riesco mai a coglierli decentemente col cellulare ma ehi, sono fighi, ve lo assicuro.

Nessun commento:

Posta un commento

[Ricordate sempre: good grammar is sexy.]

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...