Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy: gennaio 2016

Cosa fare a San Valentino

Io odio San Valentino.
Quando sei single è una festa del cazzo che sta lì a ricordarti che sei single e che gli altri sono fidanzati e che tu sei in qualche maniera sfigata anche se stai benissimo per conto tuo. Quando sei fidanzata c'è la pressione capodannesca del oh-bisogna-assolutamente-fare-qualcosa, che non sopporto per Capodanno figuriamoci per San Valentino. L'unico San Valentino decente è quello della seconda elementare, durante il mio fidanzamento con Emanuele, durato ben otto giorni: ricevetti in dono un Bacio Perugina. Ah, c'è anche quello in cui ho ricevuto un'orchidea: quella ancora sta bene, il mio ex s'è fidanzato con una con il mio stesso nome e adesso c'hanno pure un figlio assieme - stare al Paese è tremendo: TUTTI hanno figli. Pieno di figli. Sono l'unica senza un figlio. Tra un po' mi comprerò un Cicciobello da portare a spasso in carrozzina.

Comunque, dicevo: odio San Valentino.
Quindi, mettiamoci di buona volontà e troviamo una maniera per strutturare bene una serata che potrebbe essere un incubo.





#1 FILM.

Prodotti di finzione, a me! Ci vuole un buon film. E il film migliore da vedere quando si tratta di autoconsapevolezza femminile e uomini deboli e stronzi è senza dubbio SHE DEVIL. Adoro quel film. È il mio antidepressivo preferito - a parte tutti quelli che prendo per via orale, naturalmente. Evito di dire altro per non spoilerarlo a chi ancora non l'ha visto ma fidatevi: guardate SHE DEVIL. L'ideale sarebbe riuscire a organizzarvi per vederlo mentre viene attuato il punto #2.

#2 BAGNO. CALDO.

Se vi sentite spendaccione potete andare da LUSH a comprarvi qualche delizioso spumante da bagno - cosa che io sto per fare per via telematica - altrimenti vi lascio la mia ricetta per un bagno cleopatresco: due buste di latte intero, una decina di gocce d'olio essenziale a scelta, due cucchiai di olio di cocco. Buttatevi dentro e passateci tutto il tempo che volete: l'acido lattico agisce come peeling, l'olio essenziale profuma, l'olio di cocco idrata. Mi raccomando: va bene la decadenza ma datevi una sciacquata con un bagnoschiuma delicato - giusto per evitare di odorare di caciotta il giorno dopo.

#3 AUTOAMORE!

Nessun uomo saprà amarvi mai come voi stesse. Se questo San Valentino è particolarmente duro da sopportare è il momento di regalarsi un po' di autoamore vibrante. Guardacaso la PicoBong, la sorellina minore della LELO, ha appena rinnovato la sua gamma di oggettini vibranti aumentandone la potenza. Io mi sono fatta mandare il KIKI 2 black - in rosa nella foto per abbinarsi al tema - ma potete scegliere tra le numerose e vibranti proposte PicoBong - il rabbit KAYA è la cosa migliore che essere umano abbia mai creato.
Piccola nota: tutti i prodotti PicoBong sono impermeabili, quindi possono tranquillamente essere utilizzati durante il bagno di cui sopra.

#4 ROSE TEA.

Volevo accompagnare il tutto con il classico Detox della Kusmi, ma visto le tonalità rosee della situazione meglio concedersi un tè verde - così l'effetto drenante è sempre garantito - ma alla rosa - perché sì, dai, anche se è un romanticismo egoriferito ci sentiamo comunque romantiche. Preparatevene una bella tazzona - o ancora meglio, un'intera teiera - da sorseggiare mentre siete a mollo.


#5 COCCOLE BEAUTY & RITI VOODOO

Allora: vi state facendo un bagno caldo e profumato bevendo un tè altrettanto caldo e profumato, mentre state guardando un film dove l'uomo stronzo e fedifrago finisce male, avete sottomano un amico vibrante a farvi compagnia: cosa manca? Il Kit Cinico di Sopravvivenza a San Valentino. Include uno Scrub No Zombie, una Maschera Super Illuminante e, meraviglia delle meraviglie, una bambolina voodoo del vostro Ex, nell'umiliante tenuta mutanda bianca + calzino di spugna, da punzecchiare con gli appositi spilli per provocare infarti e impotenza.

Questa è la maniera in cui io passerò San Valentino.
Condividete con me - parlo solo con le single: fidanzate, sciò! - i vostri programmi e datemi ulteriori consigli.

TRE SUGGESTIONI #3

#1 SKY DOLL SUDRA

Dopo secoli di meditazione e attesa del volume in italiano mi sono rassegnata e ho comprato quello in francese, pur sapendo la lingua allo stesso livello di un bambino di tre anni o di un pappagallo molto allenato. Fanculo.




#2 STANNO RIAPRENDO GLI X-FILES


Esatto: sta per uscire una nuova miniserie degli X-Files
Motivo valido per mettermi a fare una degna maratona di tutte le stagioni. Ditemi che non sono l'unica che non l'ha mai visto: ero troppo gggiovane e paurosa negli anni '90.
Potrei anche comprarmi il poster.



#3 ZARA HAIR DON'T CARE

Finalmente da Zara hanno pescato una modella con i capelli di colori assurdi. Mica per nulla, ma tra tutte queste bionde more rosse castane noi con i capelli di colori assurdi ci sentiamo escluse e ghettizzate, e contando che ormai il capello assurdo è mainstream, ehi, ci si potrebbe sforzare di più.
Piccola nota: magari qualcuno se n'era già accorto, io l'ho vista solo adesso che sono andata a curiosare sul sito causa saldi.



Come vorreste il nuovo Diario di una Snob?

Ieri il blog ha compiuto - non ci credo neanche io - cinque anni.
Cinque fottuti anni!
Ora è ufficialmente la relazione più lunga che io abbia mai avuto.
Comunque, questo più che un post è un open thread per voi, amati Fedeli Lettori, in cui dirmi: come vorreste il Diario di una Snob, quest'anno? 
Ditemi pure sia dei contenuti che della parte tecnica/grafica - sto progettando un restyling, quindi...
Datevi da fare, vi vedo che leggete e non commentate se non per le #SNOBPLAYLIST.
Dai.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...