Diario di una Snob - fashion, lifestyle, travel blogger from Tuscany, Italy

TRE AZIONI #10: UN PO' DI BEAUTY

#1 LEGGERE LA GUIDA CINICA ALLA CELLULITE

Se non lo sapete significa che siete che probabilmente siete fuori dal mondo, ma: l'Estetista Cinica ha pubblicato un libro! 
E che libro: il Libro che dovrebbe salvare il nostro culo da ogni male. La Bibbia del Culo. La Guida Cinica alla Cellulite.
Oltre al fatto che spiega svariate nozioni ragionevolissime su culi, grasso, cellulite, ecc. - tutta roba che io credevo di circa sapere invece un cazzo, la Guida Cinica è stata illuminante sotto innumerevoli punti di vista - miracolo: è ben scritto. L'animo umanista ma contemporaneamente cazzone dell'Estetista Cinica è riuscito a sfornare un libro professionale ma gradevole, pieno di ironia ma senza cadere nelle banalità da rivistine femminili. Io, che ho come dire - il palato raffinato? sono una grande rottura di cazzo a livello di scrittura? decidete voi - l'ho finito in un'ora. E no, se fosse stato scritto male non ci sarei riuscita. 
Lode alla Cinica.



#2 TINGERE DI COLORI ASSURDI UN'AMICA

Sia chiaro: sto ripensando di tornare anch'io di un colore assurdo, ma mentre attendo che mi arrivi qualche scatola di tinta - blu. Come mi vedete blu? - ho pensato bene di vittimizzare le punte scolorite della Ste e darci una botta di rosso.




#3 FARSI LE SOPRACCIGLIA COL FILO ORIENTALE (?)

Le sopracciglia sono uno dei miei più grandi crucci. L'unico periodo della mia vita in cui ho avuto delle sopracciglia decenti era a Parigi - ah, Parigi! - quando mi rifornivo dal Brow Bar di Sephora. Unico momento di decenza sopraccigliosa dell'esistenza. Perciò quando ho visto che alla Gardenia - ehi, abito a Siena: Sephora non c'è - ha aperto un Brow Bar a sua volta ho detto, be', diamogli una chance. Non sapevo che la tipa utilizza la tecnica del filo orientale, cosa che essendo io a occhi chiusi non ho capito come funziona, ma insomma: senza pinzette è riuscita a farmi le sopracciglia. Con solo del filo - da cucito? Boh, non son pratica. Cosa strana. A dire il vero non ha fatto neanche male.
Insomma, sono meglio di quello che mi combina l'estetista di solito, ma la soddisfazione sopraccigliosa è ancora a venire.
(Parlando sempre di occhi: sto pensando seriamente di farmi l'extension alle ciglia: se qualcuna l'ha già fatto condivida il suo sapere.)



TRE OGGETTI #14 - CANDELE COSTOSE INUTILI E FIGHISSIME

#1 DIPTYQUE TUBEREUSE

Questa è la candela. Quando ero povera e felice e vivevo a Parigi non avevo i soldi per nutrirmi, però andavo avanti a sigarette e candele. Entravo nella boutique Diptyque illudendomi di essere una persona danarosa e compravo questa candela e la accendevo nei miei 10 metri quadrati di appartamento e vabbè, mi sentivo a posto con la vita. Tornata in Italia non sono più riuscita a comprarla - e non sono neanche più riuscita a tornare a Parigi, tale è stato il trauma dell'abbandono - motivo per cui sono passata alle Byredo.



#2 BYREDO LOVELESS

Nonostante la Tubereuse sia la candela, la Byredo Loveless resta la mia preferita. Eliminando tutte le menate sentimentali, questa è sicuramente la cosa più buona a livello olfattivo che esista sulla faccia del cazzo di pianeta. Sfortunatamente la Byredo produce profumi con pressoché tutte le fragranze, tranne, naturalmente, questa, altrimenti avrei già abbandonato il mio Chanel N5 e sarei passata a Loveless in tutte le sue manifestazioni.



#3 LELO FLICKERING TOUCH

La LELO, oltre a produrre i vibrelli che tanto amiamo, si è buttata anche nel magico mondo delle candele. Con il plus che la cera, quando si fonde, diventa un olio da massaggio pronto per tutti i giochetti perversi che volete - inutile che vi dica che sono troppo pigra e ho troppo terrore di distruggere le lenzuola o di dar fuoco a casa per provarle sotto quel punto di vista ma ehi, io ve lo dico, magari siete più coraggiose di me.



Datevi da fare e consigliatemi a vostra volta candele costose inutili e fighissime, grazie.
Ne avete di preferite?

FORSE È IL CASO CHE MI RIMETTA A SCRIVERE QUALCOSA

Anche perché, ehi: nonostante non scriva un cazzo da tantissimo tempo state qua a scartabellare tutti i vecchi post.  
Grazie per la fedeltà, Fedeli Lettori.
E scusatemi per la lunga e indegna assenza, ma vi prometto che un giorno tutto questo vi sarà spiegato e sarà tutto chiaro e giuro che avevo profondi blocchi psicologici e non è che ho smesso di seguire il blog solo perché mi sono fidanzata - sì ragazzi: e dura eh. Insomma, ancora sta lì. Per quanto gli faccia pezzi non si muove. Che sia la volta buona? Presto per dirlo, ma ci si spera.

Comunque, aggiornamenti veloci sulla mia esistenza.
...
Effettivamente, nulla di che.



Da quando vi ho lasciato non ho fatto nulla di significativo, a parte diventare grassa - ok, non iniziate a dirmi che non sono grassa. Ok, magari non sono grassa. Però sono indubbiamente più grassa. E così più grassa sto parecchio male - conseguentemente ho iniziato a vestirmi come una tossica, sono diventata dipendente da un gioco di realtà aumentata - il temibile Ingress di cui sentite ogni tanto parlare su FB - sto andando da un dietologo che mi ha dato una dieta del tutto ragionevole ma priva d'Estathè e io sono in astinenza da zuccheri semplici, ecc. ecc.

Però forse è meglio se trattiamo questi argomenti singolarmente, in tanti bei post.
Questo era giusto per riprendere contatto con il blog e con voi, Fedeli Lettori.
(Naturalmente se avete proposte particolari sul cosa scrivere ehi, dite pure. A me fa sempre piacere.)

Voi che raccontate? Che state facendo?
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...